Get Adobe Flash player

Washington Wizards

Griffin resterà ai Clippers, Patty Mills rinnova con gli Spurs, maxi contratto anche per John Wall

blake-griffin-clippers-blackTanti i big che a sorpresa hanno cambiato maglia in queste ore di mercato NBA, ma anche qualche rinnovo importante. Dopo la partenza di Chris Paul le “chiavi” dei Clippers sono nelle mani di Blake Griffin, che ha deciso di restare e firmare un contratto di 173 milioni per 5 anni. Inoltre Griffin ha strappato una clausola che gli consente di rifiutare eventuali trade non gradite.

Fonti vicine al giocatore hanno rivelato i dettagli di una riunione tra il giocatore, coach Rivers e il proprietario Ballmer, meeting andato alla grande seguito da una cena. Sembra che Griffin abbia dichiarato: «Nonostante proposte importanti voglio vincere con i Clippers».

Continua a leggere

Wall prova a convincere George: «Con lui Washington può vincere il titolo»

paul goeroge john wallNon è un segreto che un ruolo fondamentale nel processo di convincimento di un free agent spetta agli stessi giocatori. La storia NBA recente è piena zeppa di esempi di leader di squadre decisivi in una trattativa: dalla telenovela di DeAndre Jordan, richiamato ai Clippers dopo l’accordo preso con i Mavericks proprio dai suoi compagni, a Draymond Green, che ha confessato di aver scritto a Kevin Durant subito dopo la sconfitta in finale coi Cavs.

Questa volta è il turno di John Wall, che è deciso a creare una squadra da titolo a Washington e vuole convincere uno che sarà free agent la prossima estate, ma che è al centro dei desideri di tutta la NBA e già in queste ore potrebbe abbandonare i Pacers: Paul George.

Continua a leggere

Wall torna sull’eliminazione ai playoff: «Panchina deludente, Oubre doveva giocare di più»

john wall wizardsLa stagione degli Washington Wizards non può certo definirsi negativa, vista la regular season conclusa al quarto posto dopo il pessimo inizio, la convincente serie con la quale hanno eliminato gli Hawks e il modo in cui hanno dato filo da torcere ai Boston Celtics, primi a Est, che per batterli hanno dovuto sudare fino a Gara 7.

Manca qualcosa per fare il famoso salto di qualità e per qualcosa si intende un giocatore in grado di dare supporto al duo John Wall e Bradley Beal, sicuramente una delle migliori coppie di piccoli della NBA, che però da soli non sono in grado di portare la squadra al livello delle prime della lega.

Continua a leggere

Boston in finale di Conference, Thomas: «Mi sono caricato coi video di Pierce»

olynyk thomas celticsAd uscire vincitori da Gara 7 sono i Boston Celtics, che si guadagnano l’accesso alla finale della Eastern Conference contro i Cleveland Cavaliers battendo gli Washington Wizards 115 a 105. Il protagonista a sorpresa è Kelly Olynyk, al centro delle polemiche per lo scontro con Kelly Oubre Jr. in Gara 3, che domina l’ultimo quarto, segnando 12 dei suoi 26 punti totali (record personale ai playoff) in 3 minuti a metà dell’ultima frazione.

«In difesa loro erano concentrati su Thomas, molte squadre lo fanno, e lui è stato bravo a liberarsi della palla e permettere a noi di attaccare il canestro in 4 contro 3», questa l’analisi di Olynyk, il nuovo eroe dell’arena di Boston.

Continua a leggere

Tripla di Wall nel finale e serie tra Celtics e Wizards che si decide a Gara 7

wall playoffFinale spettacolare quello di Gara 6 tra Washington Wizards e Boston Celtics, con i primi che vincono la partita 92 a 91 ed estendono la serie che si deciderà nella notte di lunedì in un’epica Gara 7. John Wall è l’autore della tripla del sorpasso a meno di 2 secondi dalla sirena e Isaiah Thomas va vicinissimo a un clamoroso buzzer beater al possesso successivo.

«Non molliamo mai, molti dubitavano delle nostre possibilità quando eravamo 0-2, ma questa vittoria la dedichiamo al pubblico, alla città», ha detto Wall, «volevo che questa gente avesse una soddisfazione».

Continua a leggere

Celtics 3 a 2 con gli Wizards, capolavoro di coach Brad Stevens

boston-celtics-brad-stevens-isaiah-thomasAnche in Gara 5 i Boston Celtics fanno valere il vantaggio del campo e vincono 123 a 101 portandosi sul 3 a 2 nella serie con gli Washington Wizards, a una sola vittoria dalle finali di Conference, dove ad attenderli ci sono i Cavaliers.

Nella partita precedente Washington era riuscita nell’impresa di annullare Isaiah Thomas, che aveva segnato 19 punti, ma praticamente tutti da dietro l’arco dei tre punti, senza tirare alcun libero e soprattutto quasi mai coinvolto con i compagni. L’allenatore dei Celtics Brad Stevens ha modificato gli schemi del suo attacco, utilizzando il play in modo totalmente diverso: come bloccante.

Continua a leggere

Washington pareggia la serie con Boston, Wall ci crede e Thomas critica gli arbitri

R2G4_05072017_Celtics_Wizards_Babineau_0578Gli Washington Wizards non sono facili da affrontare e se i Boston Celtics vogliono conquistare la finale di Conference devono evitare i blackout che troppo spesso li hanno colpiti in questa serie. Anche in Gara 4, vinta dagli Wizards 121 a 102, i Celtics hanno concesso un parziale di 26-0, a metà del terzo quarto, che li ha praticamente messi fuori dalla partita.

Troppe palle perse e canestri presi in contropiede per i Celtics. Coach Brad Stevens ha fatto capire chiaramente che proprio quelle sono le situazioni da evitare: «Sarebbe meglio calciare la palla in tribuna, piuttosto che perderla e permettere loro di correre».

Continua a leggere

Scambio di accuse tra Celtics e Wizards: IT: «Hanno iniziato loro», Beal: «Vogliono il gioco duro? L’avranno»

isaiah-thomas-john-wallUna rivalità dal sapore di anni ’80 quella tra Boston Celtics e Washington Wizards, che prima se le erano promesse e ora se le stanno dando nella semifinale della Eastern Conference. Gli attriti sono diventati fin troppo evidenti da una partita di inizio gennaio, vinta dai Celtics in casa. Subito dopo la sirena, mentre le squadre si avviavano verso le proprie panchine, John Wall e Jae Crowder si sono confrontati duramente faccia a faccia ed è volata anche qualche manata.

Quando poi a fine gennaio era Washington a ospitare un altro confronto tra le due squadre, i giocatori degli Wizards si sono presentati all’arena tutti vestiti di nero, per quello che loro definivano un “funerale”. Partita vinta dagli Wizards e animi sempre più accesi.

Continua a leggere

Gli Wizards vincono la battaglia in Gara 3 contro i Celtics, Warriors sul 2-0 con Utah

celtics wizards fight2La tensione tra Wizards e Celtics, che già nel corso dell’anno aveva acceso le sfide tra le due squadre, è definitivamente esplosa in Gara 3 della serie. Washington domina nel punteggio fin dal primo quarto, nel quale va sopra di 20, poi la partita assomiglia più a una resa dei conti. Il punteggio finale è 116 a 89 e la serie ora è 2-1 in favore dei Celtics.

Doppio tecnico per Kelly Oubre Jr. e Kelly Olynyk, dopo un fallo in attacco di quest’ultimo e baraonda in campo già a fine primo tempo. Oubre, che è stato il primo a lasciarsi andare a una reazione fuori luogo è stato espulso e rischia la squalifica per Gara 4. Poi una serie di falli al limite, tecnico a entrambi gli allenatori e la doppia espulsione nel finale di Terry Rozier e Brandon Jennings.

Continua a leggere

Markieff Morris striglia i compagni: «A noi manca la cattiveria»

Markieff MorrisDeve bruciare tantissimo la serie di due sconfitte rimediata nelle semifinali di Conference dagli Wizards se addirittura Markieff Morris ha garantito, nonostante il suo infortunio alla caviglia, che cercherà in tutti i modi di essere presente in Gara 3 contro i Celtics.

Il cestista ha criticato con parole durissime il vantaggio di 14 punti letteralmente gettato al vento, perché gestito malissimo, con un atteggiamento tra l’irresponsabile ed il superficiale che ha permesso agli avversari di capovolgere letteralmente l’esito dell’ultimo incontro:

Continua a leggere

Isaiah Thomas immenso e Celtics sul 2 a 0 contro gli Wizards

thomas celtics playoffUna notte storica per Isaiah Thomas, che nel giorno del compleanno della sorellina recentemente scomparsa trascina i Boston Celtics alla vittoria 129 a 119 all’overtime sugli Washington Wizards, conquistando il 2 a 0 nella semifinale di Conference. I 53 punti messi a segno sono il punteggio più alto nei playoff NBA dai 55 di Allen Iverson del 2003 e la seconda miglior prestazione nella storia della franchigia di Boston ai playoff, dietro solo ai 54 di John Havlicek.

Ma quello che fa di questo piccolo giocatore un fenomeno sono i punti nei momenti decisivi e anche questa volta è letale nel finale di partita: 20 punti nel quarto quarto e ben 9 nel supplementare.

Continua a leggere

I Celtics si aggiudicano il primo round con gli Wizards, IT: «Quello che faccio è tutto per mia sorella»

thomas tooth celticsPessimo inizio, poi reazione da grande squadra. Il TD Garden di Boston si è gelato sul 16-0 col quale gli Washington Wizards hanno aperto il primo quarto di Gara 1, forse pensando alla brutta partenza vista anche contro i Bulls. Questa volta però l’emorragia si è fermata subito, grazie sempre e solo a Isaiah Thomas, che carica la squadra già nel primo quarto e la prende per mano per i gli altri tre, concludendo la partita con 33 punti e 9 assist.

Thomas segna e riesce a mettere in ritmo i compagni, nonostante abbia perso un dente nel primo quarto: i Celtics battono la difesa di Washington grazie soprattutto alle 19 triple messe a segno.

Continua a leggere

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche