Get Adobe Flash player

Philadelphia Warriors

Accadde oggi: 25 maggio 1975, gli Warriors battono i Bullets e tornano a trionfare

barry golden state 1975Il 25 maggio è una data storica per San Francisco. Nel 1975, gli Warriors riescono finalmente a conquistare il titolo NBA, il primo da quando la franchigia si è trasferita in California all’inizio degli anni ‘60. La cavalcata vincente si chiude nelle Finals contro i Bullets e il trionfo è direttamente a Washington. Dopo le prime 3 vittorie, arriva anche quella in Gara 4: 96-95.

Per gli Warriors di oggi, che si apprestano a giocarsi il titolo per la terza volta di fila, è diventata un’abitudine. Ma in quel 1975, l’anello mette fine a una lunga fase di astinenza. Gli Warriors avevano trionfato nel 1947 e nel 1956 quando ancora erano a Philadelphia. E neppure l’astro Wilt Chamberlain era riuscito a mettere fine a questo digiuno. Neanche dopo il 1962 e il trasloco a San Francisco.

Continua a leggere

Accadde oggi: 26 aprile 1964, i Celtics ancora campioni rovinano il sogno di Chamberlain

nbaitalianews celtics 1964Il 1964 non si distingue dagli altri anni del decennio: in NBA continua la dittatura di Boston. I Celtics centrano il 7° trionfo della loro storia, il 6° consecutivo. Un trionfo datato proprio 26 aprile, giorno in cui si chiudono le Finals contro i San Francisco Warriors. Al Garden arriva il punto del 4-1 grazie al 105-99 finale.

Celtics vs Warriors non è proprio una novità, anzi. Ma fino a due anni prima, la sfida metteva al massimo in palio il titolo della Eastern. Tutto cambia dal 1962, quando gli Warriors lasciano Philadelphia per approdare a Ovest, a San Francisco. Dopo una prima annata di assestamento, finita addirittura senza la qualificazione ai playoff, Wilt Chamberlain e compagni tornano a fare la voce grossa.

Continua a leggere

Accadde oggi: 9 aprile, quanti trionfi per i Boston Celtics

nbaitalianews celtics trionfiSe c’è una data che a Boston non possono dimenticare è quella del 9 aprile. A cavallo tra la fine degli anni ‘50 e l’inizio dei ‘60, i Celtics schiacciasassi hanno spesso gioito in questa giornata. L’album dei ricordi dedica ben tre pagine, legate agli anni 1959, 1960 e 1964, in cui sono arrivati due anelli e un titolo della Eastern Division.

Ma andiamo per ordine. Nel 1959, i Celtics hanno ancora il dente avvelenato per il ko patito l’anno prima contro i St. Louis Hawks. Marciano spediti in regular season e soffrono non poco per avere la meglio dei Syracuse Nationals nell’ultimo atto della Eastern. Alle Finals non ci sono però gli Hawks ma i Lakers, vogliosi di rinverdire i successi del recente passato. Ma contro Boston non c’è storia: 4-0. Il suggello arriva appunto il 9 aprile, a Minneapolis. Finisce 118-113, con 29 punti di Bill Sherman, 24 di Frank Ramsey, i 23 di Tom Heinsohn e i 15 di Bill Russell, a rendere vani i 30 del rookie dell’anno Elgin Baylor.

Continua a leggere

Accadde oggi: 7 aprile 1956, i Philadelphia Warriors conquistano il titolo

nbaitalianews warriors 56Il 7 aprile è una data da ricordare in casa Warriors. Nell’ormai lontano 1956 arriva il primo titolo targato NBA. La squadra è ancora a Philadelphia, dove è stata fondata 10 anni prima. E proprio a Philadelphia festeggia battendo per la quarta volta nelle Finals i Fort Wayne Pistons: 99-89.

A essere precisi, non è la prima volta che i Warriors conquistano la vetta. Era successo nel 1947, nel primo storico campionato USA, a quel tempo chiamato BAA. Nel 1956 è invece NBA a tutti gli effetti e Philadelphia lo fa finalmente suo dominando l’intera stagione. Con una squadra che non ha ancora conosciuto l’astro Wilt Chamberlain ma che può contare su futuri campioni da Hall of Fame come Paul Arizin, Tom Gola e Neil Johnson.

Continua a leggere

Accadde oggi: 5 aprile 1962, i Celtics conquistano di nuovo le Finals

nbaitalianews celtics 62Neppure il miglior Wilt Chamberlain di sempre ferma la corsa dei Boston Celtics. Nel 1962, l’anno dei famosi 100 punti in una partita e dei 4000 in regular season, i Philadelphia Warriors arrivano a un passo dall’impresa ma non basta. La Eastern Division è questione di dettagli e i pluricampioni hanno risorse infinite. La serie si prolunga fino a Gara 7, in programma al Garden il 5 aprile e vinta di misura dai padroni di casa: 109-107.

E’ una stagione dove il fattore campo ha un valore impressionante. Gli Warriors lo hanno sfruttato al massimo nel primo turno, battendo tre volte in casa i Syracuse Nationals. E fanno altrettanto contro i Celtics. L’ultimo regalo concesso ai tifosi di Philadelphia, ormai rassegnati a vedere i loro idoli in viaggio verso la nuova casa di San Francisco.

Continua a leggere

Accadde oggi: 27 marzo 1958, Boston e St. Louis conquistano le Finals

nbaitalianews st. louis 1958Il 27 marzo 1958 è una giornata di festa in due città: a Boston e a St. Louis. Celtics e Hawks vincono le rispettive Division e si apprestano a sfidarsi per la conquista dell’anello. In quel giorno viene messa la parola fine alle due serie in corso. Boston si sbarazza definitivamente (4-1) dei Philadelphia Warriors, St. Louis fa altrettanto con i Detroit Pistons, con lo stesso punteggio.

I Celtis devono faticare per avere la meglio di Philadelphia e riconquistare la Eastern Division. Sotto 3-0, Philadelphia ha avuto il colpo di coda accorciando le distanze e si gioca il tutto per tutto in Gara 5. Tanto da tenere testa ai campioni in carica e fino ad arrivare in vantaggio all’inizio dell’ultimo quarto. Ma il +6 che Boston piazza alla fine vale il 93-88 alla sirena.

Continua a leggere

Accadde oggi: 26 marzo 1961, i Celtics superano Syracuse e ipotecano un altro titolo

nbaitalianews celtics 1961“Quei magnifici anni ‘60” è un titolo che si addice alla perfezione ai Boston Celtics. La squadra del Massachusetts inizia a vincere titoli nel 1959 e non si ferma più fino al 1957. La stagione 1960/61 si chiude con il terzo successo della striscia. E passa anche dal 26 marzo, giorno in cui viene conquistata l’ennesima Eastern Division e prenotate le nuove Finals. Quel 26 marzo 1961 si chiude la pratica Syracuse, battuta 4-1.

Il suggello arriva al Garden dove il match finisce 123-101. Un +22 reso più netto da un quarto quarto da +17, segno inequivocabile della resa degli ospiti. Ospiti che in fondo avevano già fatto il colpaccio al primo turno di playoff. Dopo aver chiuso la regular season con un bilancio in negativo (38-41), i Nationals hanno fatto l’impresa di sbarazzarsi dei più quotati Philadelphia Warriors. Un netto 3-0 alla faccia delle 46 vittorie degli avversari e soprattutto della presenza di Wilt Chamberlain, che ha appena stabilito due primati mostruosi: più di 3mila punti e più di 2mila rimbalzi.

Continua a leggere

Accadde oggi: 25 marzo 1967, i Philadelphia 76ers fanno un passo verso il titolo

nbaitalianews chamberlain 1967Il 1967 è un anno indimenticabile per i 76ers, quello del primo storico titolo dopo il trasferimento della franchigia da Syracuse a Philadelphia e il cambio del nome. Per arrivare finalmente al traguardo, decisivo è il ritorno del figliol prodigo Wilt Chamberlain che, dopo il trasferimento a San Francisco ha mollato i Warriors nel 1965 per far ritorno a casa. Il 25 marzo di 60 anni fa, la squadra fa il primo passo verso l’anello superando il primo turno di playoff: i Cincinnati Royals sono battuti in 4 partite, l’ultima a domicilio con un 112-94.

Che la stagione potesse essere quella buona, si capisce fin dall’inizio. Sulla panchina dei 76ers arriva Alex Hannum, il coach con cui Chamberlain ha fatto le cose migliori ai tempi degli Warriors. Per far crescere ulteriormente il suo fuoriclasse, paradossalmente il nuovo tecnico gli ritaglia un ruolo diverso, meno devastante a livello di numeri ma più funzionale per la squadra. Wilt si sente maggiormente coinvolto e prende per mano un gruppo che può comunque contare su giocatori di talento quali Hal Greer e Chet Walker. Per una volta non vince la classifica marcatori (chiudendo con una media punti comunque superiore ai 24), ma quella dei rimbalzi e il non trascurabile titolo di MVP.

Continua a leggere

Accadde oggi: 22 marzo 1962, Chamberlain porta gli Warriors alla finale di Conference

wilt chamberlain 100In NBA, gli anni ‘60 sono quasi una dittatura. Fino al 1966 nessuno riesce a contrastare il dominio dei Boston Celtics. Il campionato 1961/62 è caratterizzato dal quarto degli otto titoli di fila, conquistato nonostante la migliore annata di sempre di Wilt Chamberlain. Che sfonda il muro dei 4000 punti e trascina i suoi Philadelphia Warriors fino alla finali di Conference. Una finale suggellata il 22 marzo 1962 quando arriva il decisivo punto contro i Syracuse Nationals.

Il primo turno di playoff è quindi un duello tra l’attuale e la futura squadra di Philadelphia. Gli Warriors hanno già le valigie pronte per trasferirsi a San Francisco ma vogliono tentare fino in fondo di vincere il titolo. Anche per Chamberlain è una sfida tra il presente e il futuro. Lui, nativo di Philadelphia, tornerà a casa nel 1964 per indossare la maglia dei Nationals, diventati 76ers.

Continua a leggere

Accadde oggi: 2 marzo 1962, il giorno dei 100 punti di Wilt Chamberlain

nbaitalianews chamberlain 100Ci sono date che più delle altre fanno la storia. Ebbene, il 2 marzo è una di quelle. In NBA è così da 55 anni a questa parte, cioè dal 1962, da quando Wilt Chamberlain ha deciso di lasciare un’impronta indelebile segnando 100 punti in una sola partita.

Un primato incredibile, realizzato ai tempi in cui i suoi Warriors giocavano ancora a Philadelphia, appena qualche mese prima del trasferimento a San Francisco. La sfida è quella contro i New York Knicks, squadra che in quella stagione 1961/62 occupa l’ultimo posto a Est.

Continua a leggere

Accadde oggi: 13 gennaio 1962, Chamberlain demolisce ancora i neonati Chicago Packers

nbaitalianews chamberlain bellamyPer gli attuali Washington Wizards, la stagione 1961/62 rappresenta l’anno zero, l’inizio dell’avventura in NBA. Con un nome diverso e in una città diversa. La franchigia parte dall’Illinois e si chiama Chicago Packers.

L’avvio è difficile, in anni monopolizzati dai Boston Celtics, reduci da tre titoli e pronti a conquistarne altri cinque. Ma anche da giocatori capaci di vincere le partite quasi da soli, come Wilt Chamberlain. Il gigante di Philadelphia diventa subito uno spauracchio per Chicago.

Continua a leggere

Accadde oggi: 16 dicembre 1961 e 1967, il ciclone Chamberlain si abbatte due volte su Chicago

nbaitalianews-chamberlain-1967Il 16 dicembre non è proprio un giorno indimenticabile dalle parti di Chicago. Soprattutto se, alla data, si lega il nome di Wilt Chamberlain. In due circostanze diverse, nel 1961 e nel 1967, Philadelphia espugna l’Illinois. E sempre con il decisivo contributo della sua stella.

La stagione 1961/62 è una di quella della dittatura Celtics. Philadelphia, a quel tempo ancora Warriors, ci prova fino alla fine per togliere il trono a Boston, ma deve arrendersi 4-3 nella Finale dell’allora Eastern Division. Nonostante Chamberlain chiuda la stagione come miglior rimbalzista e con oltre 4mila punti all’attivo, che ne fanno il capocannoniere. A contribuire a questo bottino, anche i 50 punti che mette a segno il 16 dicembre 1961 nella vittoria 112-110 contro i Chicago Packers del Rookie dell’anno Walt Bellamy.

Continua a leggere

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche