Get Adobe Flash player

Gregg Popovich

Accadde oggi, 30 maggio 2007, gli Spurs eliminano i Jazz e prenotano il 4° anello

nbaitalianews spurs 2007Il 30 maggio del 2007 San Antonio si prepara ad allargare la sua collezione di titoli. Dopo quelli del 1999, del 2003 e del 2005, sta per arrivare il quarto. La squadra di Popovich mette il primo tassello conquistando la Western Conference dopo una finale a senso unico. Jazz battuti in 5 partite, l’ultima in Texas con un distacco di 25 punti: 109-84.

Duncan e soci prendono coscienza di poter raggiungere l’obiettivo, gara dopo gara. Le 58 vittorie in regular season sono un buon biglietto da visita ma che non vale di più del terzo posto. La sorpresa arriva dagli Warriors che estromettono al primo turno i Dallas Mavericks, leader della stagione.

Continua a leggere

Ginobili riceve l’ovazione dei tifosi Spurs: «Non so se continuo, ma sarò felice comunque»

manu ginobili spursGregg Popovich ha deciso di onorarlo con la prima da titolare in stagione, in quella che potrebbe essere stata l’ultima partita in NBA di Manu Ginobili. L’argentino, una delle colonne dell’era d’oro dei San Antonio Spurs, ha ricevuto l’ovazione commossa di tutta l’arena, quando a 2 minuti dalla fine di Gara 4 coach Pop lo ha richiamato in panchina e anche gli avversari si sono uniti all’applauso.

«Gli ho detto che non sapevo per quale motivo fosse quella standing ovation», ha detto Patty Mills, seduto vicino a lui in panchina, «e lui mi ha risposto: “Si, credo che tornerò ancora in campo per altri tre anni”, o qualcosa del genere».

Continua a leggere

Warriors alle Finals, il proprietario: «Voglio i Cavs, abbiamo un lavoro da portare a termine»

warriors western conference championsPercorso netto per i Golden State Warriors, che battono i San Antonio Spurs 129 a 115 e accedono alle NBA Finals per il terzo anno consecutivo. Prima squadra NBA a superare i primi tre turni un record del genere (da quando le serie sono di 7 partite).

Troppo forti questi Warriors per gli Spurs rimaneggiati dagli infortuni di Tony Parker, Kawhi Leonard e David Lee. Anche Gara 4 è dominata da Stephen Curry e compagni, col numero 30 che mette a referto 36 punti con 5 triple, che gli permettono di superare Kobe Bryant nella classifica dei tiri da tre ai playoff.

Continua a leggere

Pachulia ancora contro Popovich: «Le sue accuse sono pericolose»

Zaza-PachuliaNon si esaurisce la polemica successiva all’infortunio di Kawhi Leonard, il punto di svolta di Gara 1 tra Warriors e Spurs e di conseguenza di tutta la serie, provocato da un close out sospetto di Zaza Pachulia. L’opinione si è divisa riguardo alla volontarietà del gesto del centro georgiano il quale però si è sempre difeso, professando la sua innocenza.

L’allenatore di San Antonio Gregg Popovich non ci è andato leggero, accusando l’avversario di essere un giocatore “sporco” e argomentando l’accusa con un paio di episodi, dei quali in passato si è reso protagonista Pachulia, sempre contro gli Spurs.

Continua a leggere

Warriors a valanga sugli Spurs, Popovich: «Non ci abbiamo creduto, mi aspetto una squadra diversa in Gara 3»

Kevin Durant,Stephen CurryPartita senza storia quella che permette ai Golden State Warriors di portarsi sul 2 a 0 nella serie contro i San Antonio Spurs. L’assenza di Kawhi Leonard ha pesato prima di tutto sul morale degli Spurs, che non hanno neanche provato a lottare e alla sirena hanno visto gli avversari chiudere sul 136 a 100.

Già dopo i primi 12 minuti la partita è finita, con gli Warriors in vantaggio 33 a 16 e Stephen Curry autore di 15 punti con 4 su 5 da tre, il resto della gara è praticamente un lunghissimo garbage time, nel quale c’è gloria per la panchina di Golden State, che arriva a collezionare ben 63 punti e per il rookie Patrick McCaw, che mette a referto 18 punti e 5 assist.

Continua a leggere

Pop attaccata: «La sua storia parla per lui», Pachulia si difende: «Non sono scorretto»

Zaza-Kawhi-Leonard-InjuryA poche ore da gara due tra Warriors e Spurs l’atmosfera che si respira è già incandescente. Se da un lato Popovich non è andato per il leggero con Zaza Pachulia, commentando il suo fallo su Kawhi Leonard come antisportivo e scorretto, dall’altro il georgiano non si è certo spaventato ed anzi ha risposto rigettando l’idea di essere atterrato volontariamente sul piede dell’avversario:

«Il mio approccio alle gare è sempre stato lo stesso per tutti i 14 anni in cui ho giocato nella lega, vale a dire giocare duro e dare il 100% di tutto quello che ho. Quindi non sono per niente d’accordo con chi dice che sono scorretto. Non lo sono. Amo semplicemente questo gioco e metto tutto me stesso, come faccio dal primo giorno».

Continua a leggere

Accadde oggi: 15 maggio 1999 e 2003, gli Spurs si avvicinano ai loro primi due anelli

nbaitalianews duncan robinsonFinisce il millennio e inizia l’era degli Spurs. San Antonio comincia a fare la voce grossa in NBA quando accoglie tra le sue fila il talento di Tim Duncan. I primi due titoli della serie, quelli datati 1999 e 2003, hanno un aspetto in comune: entrambi passano attraverso il 15 maggio. In questa giornata, la squadra di Gregg Popovich fa passi avanti verso la gloria. Prima eliminando Minnesota al primo turno. Poi, quattro anni dopo, estromettendo i Lakers in semifinale.

Il 1999 è l’anno magico. Un anno già di per sé particolare. Senza Michael Jordan, ritiratosi per la seconda volta. Ma soprattutto a causa del lockout che limita parte della stagione. Agli Spurs bastano quindi 37 vittorie su 50 gare giocate per arrivare davanti a tutti, a Ovest, in regular season. Ed è solo l’inizio. Il cammino nei playoff è una cavalcata impressionante. Al primo turno è Minnesota a lasciare strada. I Timberwolves si prendono la soddisfazione di andare a vincere a San Antonio, ma finiscono per cedere in 4 partite.

Continua a leggere

Rimonta Warriors dopo l’infortunio a Leonard, Pachulia si difende: «Non c’è niente di “sporco”»

kawhi leonard playoffFin troppo facile leggere l’andamento di Gara 1 tra Golden State Warriors e San Antonio Spurs. Un primo tempo totalmente dominato dagli Spurs, concluso col vantaggio di 20 punti, un’inizio di secondo tempo in controllo, poi l’uscita dal campo di Kawhi Leonard, il quale si infortuna alla caviglia per due volte in un minuto ed è costretto ad andare negli spogliatoi a 8 minuti dalla fine del terzo quarto, dopo aver realizzato 26 punti.

Da quel momento l’attacco degli Spurs si è spento e con un parziale di 18-0 gli Warriors sono tornati in partita. 113 a 111 il risultato finale.

Continua a leggere

Rockets e Spurs sul 2 a 2, Ginobili: «Gara 5 sarà una Gara 7»

harden rockets playoffUna partita fotocopia della prima della serie quella vinta stanotte per 125 a 104 dagli Houston Rockets, che si portano sul 2 a 2 con i San Antonio Spurs. In estrema sintesi si potrebbe dire che quando entrano i tiri da tre i Rockets sono un altro tipo di squadra e tutto l’attacco è più fluido, con più spaziature e soprattutto con James Harden che può fare quello che sa fare meglio, segnare e far segnare.

Per il Barba 28 punti con 12 assist, aiutato da Eric Gordon, decisivo con il suo 6 su 9 da tre per 22 punti totali in uscita dalla panchina.

Continua a leggere

Pioggia di triple sugli Spurs e Rockets avanti nella serie

harden vs spurs«Gara 1 per noi è andata alla grande, ma dobbiamo essere cinici», queste le parole di James Harden al termine di Gara 1, stravinta dagli Houston Rockets 126 a 99 contro i San Antonio Spurs. Il Barba vuole spegnere facili entusiasmi dopo una sola vittoria, perché la serie è solo all’inizio.

Già nel primo quarto di stanotte i Rockets hanno preso il pieno controllo della gara e Harden è il perfetto direttore dell’orchestra “organizzata” da coach D’Antoni. Il play ex Thunder mette a referto 11 punti con soli 4 tiri e 5 assist (14 a fine partita) nei primi 12 minuti, riuscendo già a mettere in ritmo i suoi compagni e costruendo un vantaggio in doppia cifra per i Rockets mai recuperato dagli Spurs nel resto del match.

Continua a leggere

Gli Spurs accedono al secondo turno, coach Pop: «ll miglior giocatore della lega è Leonard»

Leonard Parker SpursMissione compiuta per i San Antonio Spurs, che sbancano il FedExForum di Memphis col punteggio di 103 a 96 e chiudono la serie con i Grizzlies sul 4 a 2. Kawhi Leonard è il miglior marcatore con 29 punti, ma la partita di Tony Parker è praticamente perfetta: 11 su 14 al tiro (compreso il piazzato del +4 Spurs a 50 secondi dalla fine) per 27 punti, la sua miglior prestazione in termini di percentuali in una partita di playoff.

«Per noi è una grande soddisfazione», ha detto il francese, «Memphis è una squadra tosta da affrontare e volevamo evitare a tutti i costi Gara 7. Abbiamo giocato questa partita come se fosse l’ultima, anche per avere qualche ora in più di riposo prima di affrontare i Rockets».

Continua a leggere

Popovich da record, 5.000 dollari di mancia in un wine bar!

gregg popovich spursChe Gregg Popovich fosse uno degli allenatori più celebri – e vincenti – di tutta la Lega non è un mistero per nessuno, ma che fosse anche uno dei più generosi lo sapevano in pochi.

Stando infatti a quanto riportato da un anonimo utente di Reddit, coach Pop il giorno della vigilia di Gara 4, e quindi dell’unica sconfitta rimediata sinora nei playoff, avrebbe lasciato una mancia da capogiro ai dipendenti del McEwen’s, un ristorante di Memphis: ben cinquemila dollari su un conto totale di 815. Niente male se pensiamo al valore che ha negli Stati Uniti questo tipo di gratifica, dove è obbligatoria in misura del 15-20% sul totale del conto.

Continua a leggere

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche