Get Adobe Flash player

Chicago Bulls

Durant la vince da numero 1, Celtics, Hawks e Bulls riprendono la rincorsa, Spurs 27-0 in casa

kevin durant okcHa detto chiaramente che le voci di mercato non lo influenzano e si è visto chiaramente nel modo in cui Kevin Durant porta i suoi Oklahoma City Thunder al successo contro gli Orlando Magic. Dopo la stoppata di Serge Ibaka ai danni di Victor Oladipo, KD si fa dare il pallone, step back e tripla a 0,5 dalla fine per il definitivo 117 a 114.

A fine partita sono 37 i punti di Durant, aiutato da Russell Westbrook alla terza tripla doppia consecutiva, con 24 punti, 14 assist e record in carriera di 19 rimbalzi. È la sua 27esima tripla doppia in carriera, che gli permette di pareggiare quelle di Rajon Rondo al secondo posto tra i giocatori in attività, dietro le 39 di LeBron James.

Continua a leggere

Gasol sulla crisi dei Bulls: «Siamo indisciplinati»

rosebutlergasolA cavallo di capodanno, quindi esattamente un mese fa, i Bulls mettevano insieme una striscia di 6 vittorie consecutive illudendo tifosi ed osservatori che qualcosa si fosse smosso e che potesse essere l’inizio della svolta per questa stagione. Peccato che non fosse così: solo 4 vittorie nelle ultime dodici partite impongono a tutti un esame di coscienza per capire quale sia la differenza tra quella franchigia così vincente e questa così opaca.

Ad aprire una breccia in questo senso è stato Pau Gasol che, di fronte all’ennesima delusione come la sconfitta coi Clippers, si è lasciato andare ad un duro sfogo di fronte ai cronisti:

Continua a leggere

Mirotic fuori 3 settimane, ancora incerto il ritorno di Tim Duncan

NBA: Chicago Bulls at Denver NuggetsArrivano i primi aggiornamenti sugli infortuni di Nikola Mirotic e Tim Duncan.

Stando a sentire i Bulls ed il comunicato diramato in queste ore, ieri il montenegrino sarebbe stato operato con successo di appendicite ma per parlare del suo rientro è ancora troppo presto. Di sicuro c’è l’assenza nella trasferta di stasera a Los Angeles, mentre voci indirette confermano che potrebbe anche saltare gli All-Stars Game dove era stato chiamato per la Rising Stars Challenge. Un peccato vero e proprio per il cestista con passaporto spagnolo che dopo il primo periodo da rookie, trascorso per la maggior parte sulla panchina, aveva iniziato a distinguersi in questa stagione dimostrando la sua versatilità offensiva anche in coppia col connazionale Pau Gasol. Il ritorno potrebbe essere calendarizzato già il 18 febbraio contro i Cavs, fino ad allora però a Chicago potrebbero dover fare a meno di lui.

Continua a leggere

Cousins da record, ma Kings sconfitti. Heat bene in rimonta coi Bulls. Gli Hawks riprendono a correre

demarcus cousins kingsDopo una maratona da due supplementari i Sacramento Kings devono soccombere contro gli Charlotte Hornets, che grazie a una tripla “insensata” di Troy Daniels da 8 metri vincono la partita col punteggio di 129 a 128. Finale spettacolare al quale non partecipa DeMarcus Cousins, che realizza il record stagionale di 56 punti, ma si vede fischiare il sesto fallo per un contatto giudicato irregolare a rimbalzo in attacco.

«Volevo vincere la partita e soprattutto evitare il terzo supplementare», ha commentato Daniels autore di 28 punti, record in carriera, con 8 triple, «avevamo perso i lunghi per falli e molti di noi erano stanchi e quindi dovevo pensarci io».

Continua a leggere

I Cavs spaesati perdono con i Bulls all’esordio di coach Tyronn Lue

tyronn lueNon è andata bene la prima da head coach dei Cleveland Cavaliers per Tyronn Lue, che rimedia la prima sconfitta in carriera dai Chicago Bulls col punteggio di 96 a 83. Fin dal primo possesso i giocatori di Cleveland sembrano in chiara difficoltà e chidono la partita con un misero 35 su 94 dal campo, compreso il 4 su 24 da tre.

Il nuovo allenatore, che ha voluto ringraziare David Blatt per il lavoro svolto candidandolo alla panchina dell’Est per l’All-Star Game, sta provando a cambiare il sistema di gioco, aumentando la velocità e così anche i possessi d’attacco. I Cavs sono 28esimi in NBA per media possessi a partita e per Lue non è accettabile.

Continua a leggere

Warriors ancora in corsa per il record di vittorie, parola ai Bulls del ’96: «Aspettiamo l’11esima sconfitta…»

Stephen-Curry-Michael-JordanLa vittoria contro i Chicago Bulls, l’ennesima con più di 30 punti di scarto, lancia nuovamente i Golden State Warriors verso il record di 72 vittorie in stagione regolare che appartiene proprio ai Bulls del 1995/96. Le 2 sconfitte contro Nuggets e Pistons sono state subito dimenticate e ora la partita con i Pacers di sabato sarà un altro banco di prova importante.

Molti paragoni sono stati fatti tra le due squadre, anche se la NBA è cambiata sia in competitività che come sistema di gioco. I “vecchi” Bulls hanno commentato la stagione dei campioni in carica, provando a trovare delle analogie.

Continua a leggere

Vittorie importanti per Clippers, Bulls e Mavs. Notte da record per Walker.

jj redick clippersOltre al remake delle Finals i riflettori nella notte NBA erano puntati sui Los Angeles Clippers, che reduci da 10 vittorie in 11 partite affrontavano gli Houston Rockets, in un momento positivo della stagione. I ragazzi di coach Rivers devono faticare, ma al supplementare portano a casa la vittoria per 140 a 132 grazie soprattutto ai 40 punti, con un pazzesco 9 su 12 da tre, di J.J. Redick. Record di triple anche per la squadra di LA che ne realizza 22.

«Abbiamo perso troppe partite importanti e non solo contro i Rockets», ha commentato Redick, «per questo con Chris Paul ci siamo caricati prima del match. Era importante per noi essere aggressivi dall’inizio e metterli sotto».

Continua a leggere

Jimmy Butler ne fa 53 e batte i Sixers all’overtime. Buzzer beater di Mario Chalmers e Rudy Gay

jimmy butler chicago bullsCifre da record per il leader dei Chicago Bulls, che vincono a fatica, dopo un supplementare, contro i Philadelphia 76ers. 53 punti per Jimmy Butler, record in carriera, che realizza 15 delle 30 conclusioni tentate, 21 su 25 ai liberi, 10 rimbalzi e 6 assist: «Ho preso i tiri che dovevo. Ho cercato di essere aggressivo e prendere i tiri che la difesa mi concedeva», il commento del numero 21.

Ottimo il contributo di E’Twaun Moore, che nel supplementare mette a referto 7 dei suoi 14 punti. In campo per l’ennesima assenza di Derrick Rose si prende i minuti di Aaron Brooks, limitato a soli 7 sul terreno di gioco. Fuori anche Pau Gasol, solo per dargli un po’ di respiro, e Joakim Noah risponde con 6 punti, 16 rimbalzi e 8 assist.

Continua a leggere

Ancora problemi al ginocchio per Rose, ma lui vuole restare ai Bulls a vita

derrick rose mascheraPessima nottata per i Chicago Bulls, battuti dai Milwaukee Bucks di Giannis Antetokounmpo, autore di 29 punti con 10 rimbalzi. Oltre alla terza sconfitta di fila perdono anche Derrick Rose, di nuovo e sempre per problemi al ginocchio che non gli permettono di giocare.

«Sento un fastidio al ginocchio simile a quello che sentivo quando dovevo recuperare dal grave infortunio», ha dichiarato Rose, «devo stare attento e tenere il mio fisico sotto controllo. Non sono preoccupato, ma sto cercando di essere previdente. Quest’anno devo valutare come risponde il mio fisico, vedere quante partite riesco a giocare e ripartire da qui».

Continua a leggere

Warriors perfetti in casa (36 in fila), Bulls battuti da “mezzi” Wizards, Spurs facile sui Nets

john wall wizardsI Golden State Warriors, alla caccia di un altro record NBA, battono i Miami Heat per 111 a 103 e conquistano così la 36esima vittoria casalinga consecutiva, che permette loro di pareggiare la striscia dei Philadelphia 76ers del 1966/67. Il record assoluto appartiene ai Chicago Bulls del 1996/97 che vinsero tra le mura amiche per 44 volte in fila.

Il top scorer con 31 punti è Stephen Curry, che “incredibilmente” fallisce 7 dei suoi 9 tentatitivi da 3. 22 punti con 12 rimbalzi per Draymond Green e 17 punti per Klay Thompson, ma è la panchina degli Warriors che dà lo strappo decisivo alla partita.

Continua a leggere

Bulls sempre meglio, James Harden domina i Jazz, gli Hawks tornano a vincere

pau-gasol-cavs-win-450x270«Quando i nostri migliori giocatori giocano al loro livello siamo una squadra fortissima», questa la perfetta analisi di Pau Gasol della quinta vittoria di fila dei Chicago Bulls, che si impongono sui Boston Celtics col punteggio di 101 a 92. 19esima doppia doppia per lo spagnolo con 18 punti e 19 rimbalzi festeggiata con una cena col tenore Plácido Domingo.

Mostra una certa continuità anche Derrick Rose, che chiude la partita con 18 punti, molti dei quali messi a referto alla sua maniera, quella di tre anni fa. Il suo amico/nemico Jimmy Butler ne segna 19, ma a fine partita spegne gli entusiasmi: «Bella partita, ma non dobbiamo rilassarci. Dobbiamo continuare a vincere partite e giocare con la stessa intensità».

Continua a leggere

Bulls: 5 in fila e Derrick Rose ritrovato

derrick rose maschera16 punti e 5 assist per il numero 1 dei Chicago Bulls, che conquistano il quinto successo di fila battendo i Milwaukee Bucks per 117 a 106. Derrick Rose ormai abituato agli infortuni è fiducioso per il suo futuro: «Mi sento bene, molto bene. Negli ultimi due giorni i dolori sono passati i dolori. Ho ripreso a fare tutti i miei soliti movimenti e non ho sentito alcun fastidio».

Parole di elogio anche per il suo compagno Jimmy Butler, col quale sembra che il rapporto di amicizia non sia davvero mai decollato: «C’era molta pressione su di lui, specialmente con la squadra sul 4-0 e invece lui ci ha preso per mano. In questo periodo va cercato in continuazione fino a quando è lui a non voler più la palla».

Continua a leggere