Get Adobe Flash player

Chicago Bulls

Accadde oggi: 28 maggio 1997, i Bulls eliminano gli Heat e volano verso il 5° titolo

nbaitalianews jordan pippen rodman 1997Ricordo di 20 anni fa esatti. Il 28 maggio 1997, i Bulls mettono un altro tassello verso il loro quinto titolo. Il secondo three-peat si avvicina, quando Chicago si aggiudica la Eastern Conference superando i Miami Heat in 5 gare. L’ultima in casa, un successo per 100-83.

Rispetto all’anno prima, quando non erano riusciti minimamente a scalfire la corazza dei Bulls, questa volta gli Heat si sono tolti la soddisfazione di vincere un match. Proprio in Gara 4, quando Jordan e soci speravano di chiudere già i conti. Poco male, almeno il traguardo viene tagliato davanti ai propri tifosi.

Continua a leggere

Accadde oggi: 27 maggio 1991 e 1996, partono i due three-peat dei Bulls

nbaitalianews jordan pippen 1992La storia dei Bulls è contrassegnata dai due storici three-peat. Il primo dal 1991 al 1993, il secondo dal 1996 al 1998. Oltre ad essere contrassegnati dalla firma di Michael Jordan, entrambi hanno un fatto comune: sono partiti il 27 maggio. Sia nel 1991 che nel 1996, Chicago vince il titolo della Eastern Conference e si lancia alla caccia dell’anello.

Il primo è appunto datato 1991. Dopo vari tentativi, Jordan riesce finalmente a portare i suoi all’ultimo atto dell’NBA. L’anno è quello buono e i Bulls non danno mai l’impressione di sbandare. Vincono la regular season con con un bilancio di 61 successi e 21 sconfitte. E nei playoff non fanno sconti a nessuno. Prima il 3-0 ai Knicks, poi il 4-1 ai 76ers. L’ultimo ostacolo è rappresentato dai Pistons campioni in carica. In palio non c’è solo la vittoria della Conference e un posto in finale, ma i Bulls devono cancellare anche il ko dell’anno prima.

Continua a leggere

Accadde oggi: 26 maggio 2011, LeBron James inizia la striscia delle 7 Finals

nbaitalianews heat 2011La notte scorsa, LeBron James ha aggiunto un paio di perle alla sua carriera. La più importante è sicuramente il sorpasso a Michael Jordan per il numero di punti segnati nei playoff. Ma vincendo a Boston e portando Cleveland all’ultimo atto, il King ha ottenuto il pass per le Finals per la settima volta consecutiva. Una striscia favolosa iniziata esattamente 6 anni fa: il 26 maggio del 2011, quando i suoi Miami Heat chiudono i giochi contro i Bulls piazzando il punto del 4-1. A Chicago, Miami vince 83-80.

L’Est regala la finale di Conference più attesa. I Bulls sono stati trascinati dall’mvp Derrick Rose. Le 62 vittorie hanno garantito il primo posto in griglia e le 2 successive vittorie su Indiana e Atlanta hanno confermato le potenzialità del gruppo. Miami di partite ne ha vinte 58, ma nella post season ha lasciato le briciole a Philadelphia e a Boston.

Continua a leggere

Accadde oggi: 20 maggio 1995, i Rockets eliminano i Suns e proseguono il sogno

nbaitalianews rockets 1995C’è un luogo comune nello sport: vincere è difficile, confermarsi ancora di più. Nella stagione 1994/95, sono gli Houston Rockets a doversi confrontare con questo assioma. Vinto il primo storico titolo, i texani fanno molta fatica a giocare con tutti gli occhi puntati addosso. Finita la regular season al 6° posto a Ovest (con 47 vittorie e 35 sconfitte), i campioni si confermano tali al momento di affrontare le gare da dentro o fuori. A farne le spese saranno, nell’ordine, Utah, Suns e Spurs. Il 20 maggio si chiude la serie con Phoenix, con il successo in trasferta in Gara 7: 115-114.

Si diceva del cammino dei Rockets. A febbraio, è accaduto un fatto non proprio irrilevante. La franchigia decide di sacrificare Otis Thorpe, uno dei protagonisti della cavalcata di pochi mesi prima. Ma il sacrificio vale eccome, considerata che la contropartita si chiama Clyde Drexler. Il talento dei Trail Blazers ha lasciato Portland per inseguire un sogno chiamato anello. Un sogno che si realizzerà in neppure 4 mesi.

Continua a leggere

Accadde oggi: 17 maggio 1992 e 1993, i Bulls verso il doppio trionfo nella Eastern

nbaitalianews jordan pippen 1992Sfatato finalmente il tabù dell’anello nel 1991, a Chicago non è passata la voglia di vincere. Soprattutto non è passata a Michael Jordan che trascina i Bulls ad altri 2 titoli. Sia nel 1992 che nel 1993, il 17 maggio è un giorno di sentenze: arriva la qualificazione alla finale della Eastern Conference. La prima conquistata a spese dei Knicks, la seconda contro i Cavaliers.

Il 1992 è l’anno delle Olimpiadi di Barcellona, quelle segnate dall’esordio del Dream Team. Prima di andarsi a prendere l’oro in Spagna, Jordan e Pippen devono finire il lavoro in patria. I Bulls hanno viaggiato a ritmi elevati in regular season (67 vinte e 15 perse) e nel primo turno di playoff hanno schiantato i Miami Heat. Ma quando sulla strada si trovano i Knicks, iniziano i problemi. Pat Ewing e compagni sono maledettamente solidi e costringono i campioni a Gara 7.

Continua a leggere

Accadde oggi: 15 maggio 1999 e 2003, gli Spurs si avvicinano ai loro primi due anelli

nbaitalianews duncan robinsonFinisce il millennio e inizia l’era degli Spurs. San Antonio comincia a fare la voce grossa in NBA quando accoglie tra le sue fila il talento di Tim Duncan. I primi due titoli della serie, quelli datati 1999 e 2003, hanno un aspetto in comune: entrambi passano attraverso il 15 maggio. In questa giornata, la squadra di Gregg Popovich fa passi avanti verso la gloria. Prima eliminando Minnesota al primo turno. Poi, quattro anni dopo, estromettendo i Lakers in semifinale.

Il 1999 è l’anno magico. Un anno già di per sé particolare. Senza Michael Jordan, ritiratosi per la seconda volta. Ma soprattutto a causa del lockout che limita parte della stagione. Agli Spurs bastano quindi 37 vittorie su 50 gare giocate per arrivare davanti a tutti, a Ovest, in regular season. Ed è solo l’inizio. Il cammino nei playoff è una cavalcata impressionante. Al primo turno è Minnesota a lasciare strada. I Timberwolves si prendono la soddisfazione di andare a vincere a San Antonio, ma finiscono per cedere in 4 partite.

Continua a leggere

Accadde oggi: 14 maggio 1981, il primo titolo dei Celtics targato Larry Bird

nbaitalianews celtics 1981Il 14 maggio 1981 in NBA si entra in una nuova epoca: quella dei Celtics di Larry Bird. Al suo secondo anno tra i professionisti, il fuoriclasse nato in Indiana si infila subito l’anello, trascinando Boston al suo 14° titolo. Ultimo atto lontano da casa, a Houston: Rockets battuti in Gara 6 delle Finals 102-91.

Per Boston è il coronamento di un cammino lungo e pieno di insidie. Con la vera rivale inserita nello stessa Atlantic Division, quei 76ers capaci di finire la regular season con lo stesso bilancio di 62 vittorie e 20 sconfitte. I Celtics hanno la meglio per la differenza canestri e sarà decisiva. Dopo essersi sbarazzati dei Bulls (4-0), Bird e compagni hanno proprio il regolamento dei conti con Philadelphia. Una serie all’ultimo pallone, vinto di un punto in Gara 7 dopo aver rimontato uno svantaggio di 3-1.

Continua a leggere

Accadde oggi: 13 maggio 1997 e 1998, i Bulls di Jordan lanciati verso gli ultimi trionfi

nbaitalianews jordan pippen rodman 1997Ci sono giornate che finiscono per entrare nel destino. Il 13 maggio è dolce per i Bulls, in particolare per gli ultimi targati Michael Jordan. E non solo perché è il compleanno di Dennis Rodman. I titoli del 1997 e del 1998 viaggiano quasi su binari paralleli e hanno tante cose in comune. Tra queste, il fatto che le semifinali della Eastern Conference sono superate a un anno esatto di distanza.

Nel 1997 sono gli Hawks a lasciare strada. I Bulls hanno chiuso la regular season con 69 vittorie all’attivo e al primo turno di playoff non hanno lasciato neppure le briciole ai Bullets (3-0). In semifinale, Atlanta si prende la soddisfazione di espugnare Chicago in Gara 2, non facendo altro che caricare di più i campioni. Che fanno il pieno di vittorie in Georgia e in Gara 5 mettono fine ai discorsi.

Continua a leggere

Accadde oggi: 12 maggio 1974, il primo titolo dei Celtics dopo l’era Russell

nbaitalianews iverson celtics 1974Cinque anni. Tanto ci vuole ai Celtics per tornare a vincere dopo la fine dell’era di Bill Russell. Ritiratosi nel 1969 l’uomo degli 11 anelli, Boston deve aspettare fino al 1974 per riprendersi l’NBA. Interrotto sul nascere il dualismo tra Knicks e Lakers, i verdi del Massachussets stoppano la crescita dei Bucks di Jabbar e Robertson battendoli in 7 gare di finale. L’ultimo atto a Milwaukee, il 12 maggio di 43 anni fa: 102-87.

L’ultimo atto della stagione 1973/74 è il più atteso: il duello tra le due squadre che hanno dominato le rispettive Division. I Bucks, che dal 1971 sono sempre ai vertici, sfiorano quota 60 vittorie in fase regolare. Prima di disputare i loro playoff in modo quasi perfetto, iniziati con un 4-1 ai Lakers e passati per il 4-0 ai Bulls. Appena meno spettacolare il cammino dei Celtics. Per il primo posto a Est bastano 56 vittorie, così come sono sufficienti un 4-2 ai Braves di McAdoo e un 4-1 ai Knicks campioni in carica per approdare alle Finals.

Continua a leggere

Accadde oggi: 10 maggio 1973, i Knicks rovinano la festa a Chamberlain e si riprendono l’anello

nbaitalianews knicks 1973Il 10 maggio 1973 in NBA finisce un’altra epoca storica: quella di Wilt Chamberlain. Il gigante di Philadelphia gioca la sua ultima partita, dopo aver frantumato quasi tutti i primati individuali. Ma non riuscendo a raccogliere i successi di squadra che il suo strapotere sotto canestro avrebbe meritato. L’ultima apparizione è il perfetto riassunto della sua carriera: segna 23 punti e prende 21 rimbalzi, ma i suoi Lakers perdono Gara 5 delle Finals contro i Knicks, che si riprendono così l’anello. Si gioca a Los Angeles e New York vince 102-93.

I primi anni ‘70 sono un continuo duello tra le due città simbolo degli Stati Uniti. Nel 1970 hanno vinto i Knicks, nel 1972 hanno prevalso i Lakers. Quella del 1973 è quindi la finale più attesa, l’occasione per regolare i conti. Le due rivali arrivano all’ultimo atto in rimonta, entrambe costrette a partire in seconda fila nella griglia dei playoff.

Continua a leggere

Accadde oggi: 7 maggio 1972, i Lakers stendono i Knicks e portano il titolo a Los Angeles

nbaitalianews riley jackson 1972Per Los Angeles arriva finalmente il momento di diventare protagonista. Dopo 7 Finals perse in pochi anni, nel 1972 i Lakers portano a casa il titolo NBA. Al termine di un’autentica cavalcata, culminata con l’ultimo atto contro i Knicks. Serie sigillata a Gara 5, in California, vinta 114-100.

L’anello è una liberazione per tanti. Per i tifosi della “città degli angeli” che aspettavano questo momento dall’approdo in città della squadra nel 1961. Per i Lakers stessi, che l’ultimo trionfo lo avevano conquistato nel 1954, quando ancora erano a Minneapolis. Per gente del calibro di Jerry West (l’uomo la cui effige è diventata il logo NBA) che troppe volte lo aveva sfiorato. Ma anche per Wilt Chamberlain che bissa l’unico successo targato 76ers.

Continua a leggere

I Bulls pensano alla prossima stagione, confermati coach Hoiberg e Rajon Rondo

Southern v Iowa StateNessuna nuova buona nuova si dice da noi, per dire – con un pizzico di ironia – che spesso e volentieri la mancanza di cambiamenti non sia poi così tanto male. Chissà se anche i tifosi dei Bulls pensano lo stesso dopo che la dirigenza, nella persona del vice presidente Nick Friedell, ha annunciato urbi et orbi che per il momento coach Fred Hoiberg dovrebbe rimanere al suo posto.

E questo nonostante la stagione deludente, anche se culminata con un’insperata qualificazione ai playoff, terminati però subito vista l’eliminazione, in perfetta scia con le altre due precedenti.

Continua a leggere

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche