Get Adobe Flash player

Senza categoria

A Dallas scoppia il primo caso: via il GM Rosas

rosas-dallasPrima ancora di scendere in campo, nell’esordio casalingo contro Atlanta, a Dallas è già scoppiato un caso. Non all’interno della squadra guidata da Rick Carlisle, ma in società. Dopo neppure 3 mesi dal suo ingaggio, si è dimesso il General Manager Gersson Rosas.

Un’esperienza breve, quella di Rosas a Dallas. Arrivato a inizio agosto dagli Houston Rockets per coprire il ruolo rimasto vacante dopo l’addio di Don Nelson, il dirigente era giunto con un’etichetta di “enfant prodige”, forte dei suoi appena 35 anni. Ottime referenze – soprattutto i meriti nello sbarco in estate di Dwight Howard ai Rockets – che non sono servite però per resistere a fianco di Mark Cuban. Le prime voci parlano proprio di dissapori creatisi con l’eccentrico proprietario dei Mavericks.

Continua a leggere

I Thunder vicini alle vittime del tornado di Oklahoma City

tornado OklahomaAltro che l’eliminazione patita dai Thunder nella semifinale di Conference contro Memphis. A sconvolgere Oklahoma City in questi giorni ci ha pensato una serie di terribili tornado che hanno provocato distruzione e morti. Almeno una cinquantina stando a un primo controllo, ma il numero pare purtroppo destinato a salire.

Ad avere la peggio è stata Moore, una cittadina di 40mila abitanti alla periferia di Oklahoma City. In particolare per il crollo di una scuola elementare che ha provocato molte vittime tra gli allievi.

Continua a leggere

BREAKING NEWS del martedì

Telenovela Howard: Houston non è un’opzione

Continua la ‘telenovela’ Howard: va, resta e rinnova, resta e se ne va in scadenza? Che dopo l’addio di Yao, i Rockets siano alla disperata ricerca di un centro di un certo livello è evidente come è evidente che il nome più ricercato (e chiacchierato) dell’estate sarà ancora una volta quello di Dwight Howard. I Rockets sarebbero pronti ad imbastire una trattativa con il GM dei Magic ma diverse fonti danno per certo che Howard non gradirebbe Houston come destinazione e non rinnoverebbe con loro, tale circostanza, se confermata, costringerebbe i Rockets a tirarsi fuori dalla corsa a “Superman” visto che senza un rinnovo nessuno andrebbe a stravolgere il proprio roster per un giocatore che si è già promesso a qualche altra squadra. Continua a leggere

VIDEO: NBA – Where Timeless Happens

Continua a leggere

Nuovo sondaggio: finali di conference!

Dopo il sondaggio sulla rivelazione del primo turno che ha visto primeggiare i Philadelphia 76ers (dove avete votato a Rose rotto!!!) come in effetti è avvenuto, voglio provare il vostro incredibile fiuto per pronosticare le due finali di conference.

Secondo me non ci sono favoriti quest’anno perchè, su quelle apparentemente date per favorite, nessuno ci metterebbe la mano sul fuoco visto che, a certi livelli, c’hanno giocato in pochi. Insomma Oklahoma, Indiana, Clippers e Philadelphia hanno effettivamente poca esperienza mentre i Lakers, gli Spurs, Miami e Boston vantano maggiore presenza nelle finali di conference.

Continua a leggere

Nuovo sondaggio!!

Il risultato del sondaggio scorso, ha visto prevalere nettamente i Lakers sui Clippers ed in effetti così è stato. 74% a favore della supremazia della squadra di Kobe e solo il 26% per la squadra di Chris Paul.

Oraa vi proponiamo un sondaggio più ardito e da fini intenditori: chi sarà la sorpresa del primo turno di playoffs? Insomma chi sarà la Memphis dello scorso anno? Vi proponiamo solo le vere possibili sorprese, anche perchè ci sono scontri che vedono possibili vincitori tutte e due le squadre, vedi Boston-Atlanta o Clippers-Grizzlies.

Continua a leggere

VIDEO: O.J. Mayo dove vai?

Vi è mai capitato di sentirvi spaesati in campo e di accorgervi di correre verso il canestro sbagliato tra le risa degli avversari e le urla dei vostra compagni? Cose che capitano!

Ma se ci siete realmente incappati, tranquilli, da oggi avete un nuovo compagno di “(dis)avventura”: O.J. Mayo che dopo una contesa parte come un fulmine verso il canestro sbagliato!!

Continua a leggere

Esodo NBA: Motiejunas torna a Treviso

Dato che la NBA non partirà a breve, Donatas Motiejunas, il lungo lituano scelto nel draft da Minnesota e subito girato ai Rockets,  ha fatto il suo rientro in Italia dove si unirà ai compagni della Benetton Treviso non appena la stagione avrà inizio. Il fatto è che Donatas è di fatto ancora sotto contratto con la Benetton e, come da sempre nello stile Benetton (tutti i contratti dei giovani cestisti dei verdi di Treviso prevedono la possibilità di rispondere ad una chiamata dall’NBA, ndr), la dirigenza ha fatto sapere al giocatore che durante la stagione, quando finirà il lockout, potrà prendere armi e bagagli ed raggiungere Houston.
Continua a leggere

Contratto collettivo: fumata nera! Lockout ad un passo

Brutte notizie: si marcia spediti verso il blocco dell’NBA. Ieri, alla fine dei lavori c’è ancora un grande gap tra le proposte dei proprietari della NBA e l’associazione dei giocatori, la NBPA. Sia Fisher che Mason hanno detto che si è parlato a lungo ma senza fare passi avanti e che nuove proposte verranno avanzate nella giornata di venerdì. Hunter, della NBPA, ha detto che i proprietari vogliono evitare il lockout ma che per evitarlo, una delle due parti, deve fare delle concessioni davvero grandi.

La NBPA ha anche detto che non accetterà mai un ‘hard salary cap’.

Continua a leggere

Contratto collettivo: continuano gli incontri

Continua la serie di incontri tra Lega e giocatori per cercare di risolvere l’intrigata matassa del nuovo contratto collettivo. Come riferito dal sito NBA.com, ieri David Stern (commissario NBA), il suo vice Adam Silver, Billy Hunter (direttore esecutivo dell’associazione giocatori) e i loro staff hanno avuto un incontro. Non è stato divulgato il risultato dell’incontro (probabilmente perché si è trattato dell’ennesima fumata nera, ndr) ma le parti si sono date l’ennesimo appuntamento venerdì a New York.

Dopo 3 incontri durante le Finals e l’ennesima (presunta) fumata nera, la possibilità del lockout prende sempre più corpo.

Continua a leggere

Lutto in casa Horry

Lutto per il sette volte campione dell’NBA (con tre squadre differenti, ndr) Robert Horry. Ieri, dopo una lunga lotta contro una malattia genetica, a soli 17 anni è morta la figlia Ashlyn di “Big Shot Rob”.

Condoglianze a Robert Horry sono state espresse da tutto il mondo NBA, in particolare dal proprietario dei Rockets (con cui vinse nel 1995 il titolo) e da Magic Johnson per conto personale e dei Lakers (Horry giocò per i Lakers nel periodo 1996-2003).

Continua a leggere

Ritorno in D-League

Dopo una stagione di assenza, i Los Angeles D-Fenders tornaranno a giocare nella NBA Development League. I D-Fenders avevano cominciato a giocare nella stagione 2006-2007, e sono stati la prima squadra ad essere posseduta da una franchigia NBA. Ad attenderli ci sarà un cambio di sede per gli impegni casalinghi: abbandoneranno il cittadino (e iper-impegnato) Staples Center per trasferirsi a El Segundo, al Toyota Sports Center sede degli allenamenti dei Lakers loro proprietari.

A darne la notizia è il sito NBA.com