Get Adobe Flash player

Warriors campioni NBA e Durant MVP: «Lo avevo promesso quando avevo 8 anni, ce l’ho fatta»

warriors champions 2017Si è conclusa come tutti si aspettavano, ai Cavaliers non è riuscita un’altra rimonta e i Golden State Warriors sono i campioni NBA 2017. 129 a 120 il punteggio della decisiva Gara 5, con Kevin Durant che mette la ciliegina su una serie finale da incorniciare con 39 punti, tirando col 70% dal campo (un record in una partita decisiva per il titolo tra quelli con almeno 20 tentativi) e si aggiudica il premio di MVP delle Finals.

«Sono troppo felice di far parte di tutto questo», ha detto KD subito dopo la partita, «non vedo l’ora di andare a festeggiare nello spogliatoio». Subito una dedica speciale per la madre, alla quale aveva già dedicato il suo premio di MVP nel 2014 con un discorso strappalacrime: «Te lo avevo promesso quando avevo 8 anni e ora possiamo dire di avercela fatta!».

«Mi sento alla grande perché, come ho sempre detto, questo è uno sport di squadra», ha continuato Durant, «devi sacrificarti e qualche volta affidarti completamente ai compagni. È esattamente quello che ho provato a fare, ma allo stesso tempo ho sempre cercato di essere aggressivo. Iguodala continuava a ripetermi che era il mio momento, che dovevo andare a prendermi il titolo, ma ho sempre risposto che era una cosa da affrontare tutti insieme».

«Sono felicissimo per Kevin», ha detto coach Kerr, «ma anche per tutto il gruppo. Ogni giocatore ha una sua storia, dal rookie McCaw a Stephen Curry o Thompson. Ma Kevin ha una storia unica e per questo sono orgoglioso di lui. Una stagione incredibile, conclusa da una serie meravigliosa. È stato dominante».

«L’anno scorso è andata male», ha detto Draymond Green, «ma il nostro premio di consolazione è stato KD, non male. E ora i campioni siamo noi».

Una delle operazioni di mercato più discusse degli ultimi anni quella che ha portato Durant ad Oakland. Hanno costruito un roster stellare, per vincere e ci sono riusciti. Anche i Cavaliers sono uniti nel voler rendere merito a una delle squadre più forti della storia del basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche