Get Adobe Flash player

I Celtics cedono la prima scelta ai 76ers: Markelle Fultz a Philadelphia e un big a Boston

Markelle FultzI Boston Celtics sono i padroni del mercato NBA, per il momento concentrato sui giovani. Grazie alla ormai famosa trade del 2013 tra Celtics e Nets, quella che ha portato a Brooklyn Paul Pierce e Kevin Garnett, i verdi hanno la possibilità di chiamare per primi al prossimo Draft, ma a breve è atteso l’annuncio ufficiale della cessione della prima scelta assoluta in favore dei 76ers.

Philadelphia, una delle squadre più giovani e promettenti della NBA, ha messo gli occhi su Markelle Fultz, guarda della University of Washington, che è dato da molti come il più interessante tra i nomi del Draft ed è fresco di contratto con la Nike.

I Sixers hanno in roster due dei migliori giovani della passata stagione come Joel Embiid e Dario Saric e la prima scelta dello scorso anno, Ben Simmons, che ancora non ha esordito in NBA, non giocherà la Summer League, ma che sembra pronto per la prossima stagione. Se come sembra dovessero prendere anche Fultz formerebbero un gruppo di sicura prospettiva e con la possibilità di poter ancora aggiungere qualche prezzo pregiato.

Anche i Celtics sembrava fossero intenzionati a sceglierlo, ma probabilmente le sue caratteristiche, che lo rendono grosso modo una fotocopia di Isaiah Thomas, hanno fatto riflettere la società, che ha deciso di rischiare tutto e guardare al futuro. In cambio della prima scelta assoluta di quest’anno infatti riceveranno quella dei Lakers nel 2018 (se sarà tra la seconda e la quinta) e eventualmente quella dei Kings nel 2019.

Tra quelle già in possesso e quelle che possono riscattare, di fatto quindi i Celtics possiedono ben 7 prime scelte nei prossimi 3 Draft (2017, 2018 e 2019) ed è abbastanza facile intuire quanto sia importante avere tanta “merce di scambio” in una trade per arrivare a un top player. Già è iniziata la corsa alla scoperta della lista dei desideri, ma il primo nome è sicuramente quello di Jimmy Butler, seguito da Paul George.

Si tratta di una scommessa vista da entrambi i lati, ma di sicuro i Celtics hanno le spalle molto più coperte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche