Get Adobe Flash player

Green: «Tutti soffrono il mio trash talking», Love: «Lui il migliore nel farlo»

draymond greenSe in amore tutto è lecito allora, per chi ama il basket, dovrebbe valere anche per le finals NBA.

Draymond Green, che con gli Warriors si giocherà l’anello per la terza volta di fila, ha infatti riconosciuto di non farsi problemi ad usare già nella gara di stasera e per tutta la serie contro i Cavs il suo famoso trash talking. Un modo per innervosirli e non farli entrare in partita, per quanto possibile, dove proprio il cestista è un’autorità indiscussa: «tutto lo subiscono ed io lo faccio senza distinzioni. Non mi fermo nemmeno a pensare a chi ho di fronte».

Insomma un inno alla sincerità che fa il paio col riconoscimento tributatogli da Kevin Love:

«Come trash talker è senza dubbio il migliore. Parliamo di uno che si impegna e di una finale NBA, quindi è normale. Penso che tutti se l’aspettino e tutti lo vogliano visto che abbiamo due delle squadre più forti di tutta la lega che si incontrano per la terza volta. Alla fine fa parte del gioco».

Ora bisogna solo vedere quanto gli avversari siano disposti a sopportare pur di non cadere nella tentazione di rispondergli per le rime e, soprattutto, se sarà utile a qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche