Get Adobe Flash player

Cavaliers da record e serie sul 3 a 1, come un anno fa

lebro james irvingSi interrompe la striscia di vittorie consecutive ai playoff dei Golden State Warriors, che rimediano la prima sconfitta in Gara 4 delle Finals dai Cleveland Cavaliers per 137 a 116. Serviva una partita perfetta per salvare la faccia, evitando il 4-0 e i festeggiamenti avversari sul parquet di casa e provare a imbastire un’incredibile rimonta, dopo quella che li ha portati all’anello la scorsa stagione.

Partita perfetta è stata, almeno a giudicare dalla lunga lista di record NBA battuti dai Cavs in una sola partita: maggior numero di punti in un quarto (49), in un tempo (86), maggior numero di punti segnati da entrambe le squadre in un tempo (154), triple in un tempo (13 dei Cavs) e soprattutto triple realizzate in una finale: ben 24 (53.3%).

Record di squadra e anche personali, visto che LeBron James mette a segno la nona tripla doppia alle Finals da 31 punti, 10 rimbalzi e 11 assist, superando così Magic Johnson nella classifica all-time. Superato anche il record di punti di Michael Jordan nelle Finals.

Il miglior marcatore dei Cavs è Kyrie Irving, che finalmente entra nella serie dopo 3 partite con punti a segno ma mai decisivi: per il play 40 punti con 15 su 27 al tiro. Segna anche il suo sostituto Deron Williams, 5 punti, dopo le prime 3 partite a secco.

La partita si è anche accesa nel terzo quarto con molti scontri e un acceso diverbio tra LeBron e Kevin Durant che li ha portati a un doppio tecnico.

«Abbiamo il DNA dei campioni», ha detto James, «e stanotte l’abbiamo dimostrato. Abbiamo mosso la palla e difeso perfettamente in modo fisico. È una partita, ma ora siamo concentrati nell’andare lì e vincerne un’altra».

Gli Warriors hanno il match point in casa e c’è da scommettere che servirà un’altra partita da record per tornare a Cleveland sul 2 a 3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche