Get Adobe Flash player

Ai Cavs serve un altro miracolo e qualcuno che aiuti LeBron

lebron bench cavaliers«Devo solo mangiare qualcosa, bere un po’ di vino e poi starò bene», questo il commento di LeBron James dopo la batosta subita in Gara 2. La serie con i Golden State Warriors lo vede sotto 2 a 0, esattamente come un anno fa, ma questa volta dall’altra parte c’è Kevin Durant, uno che può decidere la partita da solo, figuriamoci se in un roster con l’MVP delle due ultime stagioni e altri 2 All-Star.

Eppure i playoff di LeBron James sono, per numeri, i migliori in carriera. L’unica sconfitta prima delle Finals era arrivata quasi per noia contro Boston e anche nelle prime due partite con gli Warriors i numeri del King non sono male: 28 punti, 15 rimbalzi e 8 assist nella prima, tripla doppia da 29 punti, 14 assist e 11 rimbalzi nella seconda. Il suo problema è che a parte Kevin Love il resto della rosa dei Cavaliers ancora non hanno battuto un colpo nella serie.

Il primo a deludere è Kyrie Irving, che con una tripla ha deciso Gara 7 di un anno fa. Per lui 24 punti in Gara 1 e 19 in Gara 2, ma con 8 su 23 al tiro e 2 su 6 da tre. J.R. Smith in Gara 2 ha messo a referto 4 falli, una palla persa e zero punti e già si parla di una sua esclusione dal quintetto base per la prossima partita. Tristan Thompson è ingabbiato tra Pachulia e Draymond Green e non è riuscito a fare meglio di 8 punti e 4 rimbalzi. Veramente troppo poco per provare a impensierire gli Warriors.

«Dobbiamo tornare a casa, riordinare le idee, fare gruppo e pensare a cosa fare di diverso in Gara 3», ha detto coach Tyronn Lue, «cercare di difendere su Stephen Curry, KD o Klay Thompson toglie una marea di energie per attaccare».

«Non sono abituato a pensare al passato, voglio guardare avanti e pensare alla prossima. Dobbiamo attaccarli subito, nei primi secondi di ogni possesso, è questo quello che ci ha permesso di vincere spesso negli ultimi 3 anni», questa l’analisi di LeBron.

I tifosi dei Cavs e chi vuole vedere una serie combattuta spera che l’aria di casa giovi al gruppo allenato da Lue. Certo per il momento la differenza di valori emersa dalle prime due partite fa pensare che la serie sia già quasi chiusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche