Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 8 giugno 1982 e 1986, un anello per i Lakers e un anello per i Celtics

magic birdLakers e Celtics. Celtics e Lakers. Gli anni ‘80 sono soprattutto un affare loro. Oltre che a dividersi gloria e anelli, a Los Angeles e a Boston si dividono anche i ricordi. L’8 giugno è una data importante per entrambe le franchigie. Nel 1982 sono i californiani a festeggiare. Stesso giorno, 4 anni dopo, tocca alla squadra del Massachusetts.

Nel 1982 l’anello vola a Los Angeles. I Lakers non fanno sconti a nessuno prima di arrivare alle Finals, rifilando un doppio 4-0 ai Suns e agli Spurs. A dare l’assalto al titolo sono i 76ers di Doctor J che si giocano le loro chance fino in fondo. Philadelphia avrebbe il fattore campo a favore ma lo perde fin da Gara 1 e Magic e compagni tengono il vantaggio fino al match ball da giocarsi in casa.

L’8 giugno c’è Gara 6 in California e i Lakers non sprecano l’occasione di trionfare davanti al proprio pubblico. Partita sempre condotta, fino al 114-104 finale. Jamaal Wilkes chiude con 27 punti, ma la sostanza arriva dai soliti due: Magic Johnson piazza una tripla doppia da 13 punti, 13 rimbalzi e 13 assist, mentre Kareem Abdul-Jabbar una doppia doppia da 18 punti e 11 rimbalzi. In 3 (McAdoo, Cooper e Nixon) finiscono con 16. Ai 76ers non bastano i 30 di Julius Erving. Per Philadelphia l’appuntamento con il titolo è rimandato all’anno successivo, quando al roster verrà aggiungo l’mvp di stagione Moses Malone. Il 1982 è dei Lakers, un’abitudine nel decennio!

Nel 1986 tocca ai rivali storici prendersi il palcoscenico. Anche questa volta manca il testa a testa finale perché nelle Finals ci sono i Rockets a giocarsi l’anello con Boston. Come 4 anni prima, viene assegnato a Gara 6 con i padroni di casa che sfruttano al meglio l’occasione. Al Garden, l’8 giugno, finisce con un netto 114-97 per la gioia di Larry Bird che bissa l’mvp di stagione con quello delle Finals. E lo fa con una tripla doppia da 29 punti, 11 rimbalzi e 12 assist. Anche McHale chiude con 29 punti, oltre a 10 rimbalzi. Sono 19 quelli di Ainge.

Per Boston è il trionfo numero 16. Particolarmente significativo perché l’ultimo dell’era Bird. L’ultimo vinto con una certa continuità. Un solo anello nei successivi 31 anni (quello del 2008) è in contrasto con la storia vincente dei Celtics.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche