Get Adobe Flash player

Accadde oggi, 26 giugno, quanti fuoriclasse usciti dal draft

nbaitalianews rose lebronNessun anniversario di titoli o di gare passate alla storia. Fine giugno è spesso legato ai draft. E il giorno 26, negli anni passati, ha proiettato nell’universo NBA degli autentici fenomeni. Basta limitarsi a quelli usciti come prima scelta assoluta: Allen Iverson, Yao Ming, LeBron James e Derrick Rose, solo per citarne i principali.

Si parte dal 1991. La prima scelta assoluta se la prende Charlotte e opta per Larry Johnson. Una scelta che pare azzeccata, quando al termine della sua prima stagione l’ala nativa del Texas vince il premio Rookie dell’anno. Ma in 10 anni di professionismo non arriveranno grandi squilli. Al contrario di Dikembe Mutombo, che da Denver inizierà una carriera di tutto rispetto, finendo secondo miglior stoppatore di tutti i tempi.

Nel 1996 la scelta fu più che azzeccata. Ma scommettere su Allen Iverson era come mettere i soldi in banca. La sua carriera non avrà anelli per essere impreziosita, ma lo spettacolo regalato agli appassionati di basket è stato più compensato. Un Ray Allen al 5° posto ci sta, il 15° di Steve Nash fa sicuramente più notizia.

Nel 2002 il draft ha un sapore molto esotico. Il primo posto al gigante cinese Yao Ming non è dettato solo dalla voglia di allargare i confini dell’NBA. Ma di far entrare un potenziale fuoriclasse. Uno che in 8 stagioni ha comunque lasciato il segno a Houston. Per vincere un anello si può anche essere scelti al numero 46, come Matt Barnes, fresco campione con i Golden State Warriors.

Il 2003 è un anno che passa alla storia e non potrebbe essere diversamente. E’ l’anno di LeBron James e già questo basterebbe. Ma dietro al King escono Carmelo Anthony, Bosh e Wade. Stride solo il numero 2 di Darko Milicic. Quel 26 giugno, a posteriori, è un giorno che avrà un peso notevole soprattutto sulla storia dei Miami Heat, visto l’apporto dei suoi Big Three.

Cinque anni dopo, nel 2008, entra un altro che lascerà il segno. Il numero 1 è quanto mai profetico perché il prescelto Derrick Rose lo prenderà anche per la sua maglia. La nidiata è buona visto il numero 4 di Westbrook e il 5 di Kevin Love. E poi un po’ di Italia con Danilo Gallinari, scelto dai Knicks come 6° assoluto.

L’ultimo 26 giugno legato al draft è quello del 2014. Il numero 1 è Andrew Wiggins, scelto da Cleveland ma girato subito a Minnesota. E in casa Timebrwolves arriva anche Zack Lavine, scelto 13° assoluto. Ma il ricordo è ancora troppo fresco, troppo pochi 3 anni di NBA per lasciare il segno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche