Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 20 giugno, il primo ritiro di Jordan e un doppio trionfo per gli Heat

nbaitalianews wade jordanIl 20 giugno ha lasciato il segno sull’NBA. Anzi, almeno 3. Soprattutto a Miami, che in questo giorno (nel 2006 e nel 2014) ha vinto il primo e l’ultimo titolo della sua storia. Ma anche a Chicago che appena vinto il terzo titolo, nel 1993, deve salutare il suo fenomeno Jordan che saluta tutti per darsi al baseball. Per fortuna una decisione di breve durata.

Jordan saluta l’NBA dopo aver regalato a Chicago il terzo titolo di fila. Vinto nelle Finals contro i Phoenix Suns dell’mvp Charles Barkley. E’ una serie in cui il fattore campo salta 4 volte nelle prime 5 gare. E salta un’altra volta in Gara 6, il 20 giugno, giorno in cui si gioca in Arizona. I Bulls si impongono di 1 (99-98) e riportano il trofeo in Illinois. Jordan ne mette 33, Pippen 23 e 12 rimbalzi. Per i Suns non serve un doppio 21 di Sir Charles e di Majerle.

Nel 2006, il 20 giugno è un giorno da prime volte. Dalle parti di Miami, dove gli Heat portano a casa finalmente l’anello. Importante l’arrivo di Shaquille O’Neal, ma soprattutto l’apporto di Wade. All’ultimo atto ci sono i Mavericks. Al contrario delle Finals di 13 anni prima, il fattore campo è decisivo. Almeno fino a Gara 6 quando gli Heat espugnano Dallas e piazzano il colpo del decisivo 4-2. Wade ne mette 36 e vince il confronto diretto con Nowitzki che si ferma a 39. Finisce 95-92 e può iniziare la festa, sul campo in Texas e in Florida.

Quello del 2013 è un titolo dal gusto diverso per gli Heat, che lo riprendono per i capelli dope averlo quasi perso. In Gara 6, gli Spurs hanno praticamente l’anello al dito, prima che Ray Allen porti la sfida all’overtime e le Finals a Gara 7. Il 20 giugno si gioca di nuovo a Miami e 7 anni dopo è di nuovo festa. Questa volta è 95-88. LeBron James è il protagonista con 37 punti e 12 rimbalzi, Wade 23 e 10 rimbalzi. Per San Antonio è un brutto colpo, che verrà cancellato un anno dopo, quando le 2 rivali si troveranno di fronte per giocarsi il titolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche