Get Adobe Flash player

Rockets e Spurs sul 2 a 2, Ginobili: «Gara 5 sarà una Gara 7»

harden rockets playoffUna partita fotocopia della prima della serie quella vinta stanotte per 125 a 104 dagli Houston Rockets, che si portano sul 2 a 2 con i San Antonio Spurs. In estrema sintesi si potrebbe dire che quando entrano i tiri da tre i Rockets sono un altro tipo di squadra e tutto l’attacco è più fluido, con più spaziature e soprattutto con James Harden che può fare quello che sa fare meglio, segnare e far segnare.

Per il Barba 28 punti con 12 assist, aiutato da Eric Gordon, decisivo con il suo 6 su 9 da tre per 22 punti totali in uscita dalla panchina.

Notte da dimenticare subito per i San Antonio Spurs, mai veramente in partite e sempre ad inseguire le punteggio. Come al solito sintetica ma eloquente l’analisi di coach Gregg Popovich: «La nostra bibbia inizia con la transizione difensiva, se non la facciamo bene non abbiamo speranze. Se vi andaste a vedere i video delle nostre transizioni di oggi scambiereste tutti i giocatori e licenziereste me».

«Volevamo tornare a San Antonio sul 3 a 1 e ne abbiamo avuto la possibilità», ha detto Manu Ginobili, «ora siamo sul 2 a 2 e Gara 5 diventa decisiva come una Gara 7. Dobbiamo sapere che ogni possesso è decisivo per la vittoria. In ogni possesso loro possono mettere la tripla e noi dobbiamo difendere meglio sull’uomo e cercare di contestate qualche tiro».

Infortunio per il lungo dei Rockets Nene, che ha abbandonato la partita nel primo quarto e non è più tornato. Verrà valutato nelle prossime ore, ma sembra possibile un ritorno già per Gara 5.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche