Get Adobe Flash player

Rimonta Warriors dopo l’infortunio a Leonard, Pachulia si difende: «Non c’è niente di “sporco”»

kawhi leonard playoffFin troppo facile leggere l’andamento di Gara 1 tra Golden State Warriors e San Antonio Spurs. Un primo tempo totalmente dominato dagli Spurs, concluso col vantaggio di 20 punti, un’inizio di secondo tempo in controllo, poi l’uscita dal campo di Kawhi Leonard, il quale si infortuna alla caviglia per due volte in un minuto ed è costretto ad andare negli spogliatoi a 8 minuti dalla fine del terzo quarto, dopo aver realizzato 26 punti.

Da quel momento l’attacco degli Spurs si è spento e con un parziale di 18-0 gli Warriors sono tornati in partita. 113 a 111 il risultato finale.

Manu Ginobili, LaMarcus Aldridge, Kyle Anderson e il rookie Dejounte Murray fanno quello che possono per provare a mettere punti, ma non riescono nel miracolo di arginare il ritorno dei vice campioni, ormai padroni del campo.

«Non so esattamente cos’è successo», ha detto coach Popovich, «ma dopo l’infortunio di Leonard la partita è praticamente finita».

Leonard, che dovrà sottoporsi a una risonanza magnetica per capire l’entità della distorsione alla caviglia, ha commentato l’infortunio, arrivato dopo un tiro e l’atterraggio su un piede di Zaza Pachulia: «Ho sentito molto dolore. È difficile capire ora di che infortunio si tratti, ma proprio non potevo continuare».

Qualcuno ha visto della malizia nel modo in cui Pachulia ha messo il piede contestando il tiro di Leonard, ma il lungo degli Warriors ha subito dichiarato la sua innocenza: «Ho fatto quello che andava fatto. Ho provato a contestare il tiro, poi mi sono girato e ho sentito il fischio. Non mi sono accorto che lui fosse a terra finché non mi sono girato nuovamente. Pensare che ci sia qualcosa di sporco è da stupidi».

Anche Leonard non ci ha visto niente di scorretto: «Lo ha fatto di proposito? Io credo di no. Era lì per contestare il tiro, i 24 secondi stavano scadendo… Dovrei rivedere il video».

Il numero 2 degli Spurs resterà in dubbio per Gara 2 e si è capito abbastanza chiaramente che senza di lui la squadra di coach Pop non ha molte speranze in questa serie.

2 risposte a Rimonta Warriors dopo l’infortunio a Leonard, Pachulia si difende: «Non c’è niente di “sporco”»

  • giovanni scrive:

    Chiunque abbia giocato a basket, anche solo una volta al campetto, sa che Pachulia lo ha fatto con malizia. Stop!

  • Anonimo scrive:

    non penso ci sia stata malizia da parte di pachulia. leonard un paio di minuti prima aveva subito la stessa storta alla stessa caviglia atterrando sul piede di un compagno seduto in panca. sfortunatissimo lui e gli spurs fin li dominatori del match. aldrige inadeguato a questi livelli e queste pressioni. da “secondo” di kawhi stava dominando, senza di lui, dovendosi caricare la squadra sulle spalle, si è sciolto. 3/11 e 5 palle perse.
    manu da applausi: vincente vero, leader e carisma nonostante i 39. se pop, dopo l’ uscita di KL, lo butta in campo qualche minuto prima, gli speroni la portano a casa. sono convinto che il parziale sarebbe stato diverso dal 18-0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche