Get Adobe Flash player

I Celtics si aggiudicano il primo round con gli Wizards, IT: «Quello che faccio è tutto per mia sorella»

thomas tooth celticsPessimo inizio, poi reazione da grande squadra. Il TD Garden di Boston si è gelato sul 16-0 col quale gli Washington Wizards hanno aperto il primo quarto di Gara 1, forse pensando alla brutta partenza vista anche contro i Bulls. Questa volta però l’emorragia si è fermata subito, grazie sempre e solo a Isaiah Thomas, che carica la squadra già nel primo quarto e la prende per mano per i gli altri tre, concludendo la partita con 33 punti e 9 assist.

Thomas segna e riesce a mettere in ritmo i compagni, nonostante abbia perso un dente nel primo quarto: i Celtics battono la difesa di Washington grazie soprattutto alle 19 triple messe a segno.

La coppia Wall-Beal, letale per le avversarie degli Wizards, è limitata a soli 47 punti dalla difesa dei Celtics, ma il fattore che ha inciso notevolmente sulla partita è l’infortunio di Markieff Morris, che deve abbandonare il campo per una brutta distorsione alla caviglia rimediata dopo essere atterrato su un piede di Al Horford.

«È stato bruttissimo, mi è capitato tante volte questo tipo di infortunio, ma oggi mi sono spaventato davvero. Mi è sembrato che la caviglia fosse rotta. Per fortuna non è così», ha detto Morris, che farà altri accertamenti oggi, ma che dovrebbe tornare per Gara 2.

«Sono arrivato qui alle 4 di mattina», ha detto Thomas, che aveva lasciato la squadra per volare a Washington per i funerali della sorellina, appena scomparsa, «ma avevo detto che avrei giocato e l’ho fatto. Sono i playoff e non si devono cercare scuse».

«Il basket è quello che mi permette di andare avanti e quando sono in campo riesco a pensare a questo. Ora tutto quello che faccio è per mia sorella e questo è quello che posso dire», ha concludo IT.

Nella notte di mercoledì gli Wizards proveranno a impattare la serie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche