Get Adobe Flash player

Coach Kerr ancora a riposo ma assicura: «Allenerò per molto tempo»

kerr warriorsAlle volte la sorte ha uno strano senso dell’umorismo come dimostra la vicenda umana di Steve Kerr, costretto a prendersi un periodo di riposo forzato per via di dolori lancinanti alla schiena che non gli danno tregua da quasi due anni. Diciamocelo, arrivare alle finals per il terzo anno di fila, con un en plein di 12 gare, trovarsi quindi i soliti Cavs di fronte per dover assistere quasi da spettatore allo spettacolo che si prepara non dev’essere facile per niente.

Kerr come ricorderete fu operato alla schiena nel 2015 e nessuno ne poteva certo immaginare le complicazioni: dolori lancinanti alla schiena per via di una perdita del liquido cerebro – spinale che la scorsa stagione gli hanno fatto saltare ben 43 gare mentre quest’anno tutta la fase dei playoff. Quasi impossibile riuscire a vederlo in campo per queste finali, ma niente paura c’è almeno una buona notizia. Kerr confidandosi con la stampa americana ha confermato di non avere la minima intenzione di smettere ed anzi per quanto riguarda è pronto a tornare in panchina il prima possibile:

«Ora riuscire a tornare è un attimino più complicato del previsto. E mi spiace tantissimo. Lo scorso anno pensavo che sarei riuscito a trovare una soluzione per quest’estate ma mi sbagliavo. Non capisco bene perché ci siano state conseguenze dopo l’operazione e questo è molto frustrante. Ma potete stare tranquilli: ho intenzione di allenare ancora per lungo tempo. Parliamo di situazione davvero dolorosa ma niente paura, sono certo di riuscire a risolverla presto».

Nessuna data ma tanta, tantissima fiducia e forza di volontà. E chissà se non ci si metta anche un colpo di fortuna che in fin dei conti non guasta mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche