Get Adobe Flash player

Antipasto delle Finals: Love divertito dall’etichetta di “sfavoriti” e Curry rilancia: «Si divertono? Ci pensiamo noi»

dahntay-jones-kevin-love-lebron-jamesCresce l’attesa per la terza finale NBA consecutiva tra Golden State Warriors e Cleveland Cavaliers. Le squadre di Stephen Curry e LeBron James si daranno battaglia in campo per quella che è a tutti gli effetti la resa dei conti, dopo un titolo a testa conquistato nelle 2 precedenti stagioni. Si dovrà aspettare ancora qualche giorno, ma intanto le due formazioni iniziano a lanciarsi messaggi a distanza attraverso i media.

Ad aprire le danze è stato Draymond Green, che già aveva provocato i Cavaliers dichiarando di annoiarsi vedendo le loro serie di playoff, che prima di Gara 5 con la quale i campioni in carica hanno eliminato i Celtics, ha detto chiaramente: «Se la finalista sarà Cleveland io farà di tutto per distruggere Cleveland».

Richard Jefferson ha risposto a Green sottolineando che gli Warriors hanno affrontato squadre decimate dagli infortuni (Nurkic di Portland, George Hill di Utah e Parker e Leonard di San Antonio) e che non si dovrebbe mai parlare delle altre squadre in questi termini.

Ora a parlare è Kevin Love, uno che nella serie del 2015, vinta dagli Warriors, era infortunato: «Il fatto che tutti pensino che siamo sfavoriti sulla carta mi diverte. In fin dei conti siamo noi che difendiamo il titolo. Proveremo a ripeterci, cosa molto difficile, ma non credo che loro siano favoriti. Siamo due squadre che si equivalgono e credo che loro la pensino nello stesso modo».

La cavalcata dei Cavaliers ha avuto solo una battuta d’arresto, nell’unica sconfitta rimediata contro i Celtics, ma anche in quel momento tutto il roster non ha perso l’entusiasmo e anzi ad ogni occasione è sembrato che il morale dei Cavs fosse alto, quasi spensierato. Tutto questo sembra non piaccia troppo a Stephen Curry, che ha confidato a Kyle Boone di CBS Sports: «Sappiamo cosa sono in grado di fare Irving e LeBron. Conosco il loro modo di essere e sia loro sia il resto della squadra sembra si divertano molto. Sarà nostro compito fare qualcosa per interrompere questo clima di festa».

La prima palla a due verrà alzata nella notte di giovedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche