Get Adobe Flash player

Accadde oggi, 30 maggio 2007, gli Spurs eliminano i Jazz e prenotano il 4° anello

nbaitalianews spurs 2007Il 30 maggio del 2007 San Antonio si prepara ad allargare la sua collezione di titoli. Dopo quelli del 1999, del 2003 e del 2005, sta per arrivare il quarto. La squadra di Popovich mette il primo tassello conquistando la Western Conference dopo una finale a senso unico. Jazz battuti in 5 partite, l’ultima in Texas con un distacco di 25 punti: 109-84.

Duncan e soci prendono coscienza di poter raggiungere l’obiettivo, gara dopo gara. Le 58 vittorie in regular season sono un buon biglietto da visita ma che non vale di più del terzo posto. La sorpresa arriva dagli Warriors che estromettono al primo turno i Dallas Mavericks, leader della stagione.

I texani viaggiano invece a passo regolare, ma spedito. Prima un 4-1 ai Nuggets, poi il 4-2 ai Suns in semifinale. E nell’ultimo atto della Western ci sono i Jazz, quarti in griglia e capaci di estromettere proprio la sorpresa Golden State. Il duello non ha praticamente storia. Gli Spurs vincono le prime due in casa, non fanno drammi per il ko in Gara 3 e ipotecano i giochi in Gara 4, sempre a Salt Lake City. Si arriva così al 30 maggio e San Antonio ha il matchball in casa.

Non servono nemmeno tanti calcoli. La sfida dura neppure un quarto: al primo intervallo corto è già 34-15. I titoli di coda possono iniziare a scorrere e il restanti tre quarti sono una passerella per i nuovi campioni di Conference. Alla fine è 109-84, con i soliti 3 sugli scudi: Duncan e Parker chiudono a 21, Ginobili a 12. Dall’altra parte, il miglior marcatore è Kirilenko con 13, troppo poco per sperare.

San Antonio prende il pass e si appresta a un’altra serie senza troppe insidie. Il LeBron James del 2007 non è ancora pronto per il titolo e i suoi Cavaliers verranno spazzati via senza possibilità di fare un solo punto: 4-0 e quarto titolo in casa Spurs.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche