Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 21 maggio 1988, i Lakers eliminano Utah sulla strada verso il titolo

nbaitalianews lakers jazz 1988Il 1988 è un anno che lascia il segno in NBA. E’ quello del primo mvp di Michael Jordan e dell’ultimo titolo dei Lakers di Magic Johnson e Kareem Abdul-Jabbar. Arriva il 5° anello del decennio per Los Angeles, strappato con i denti dopo 3 battaglie finite a Gara 7. Una di queste, in semifinale, contro gli Utah Jazz. Il 21 maggio si gioca in California e i padroni di casa vincono 109-98.

Il cammino dei Lakers verso il loro 11° titolo è a 2 velocità. Impressionante in regular season (62 vittorie all’attivo) e nel primo turno di playoff (3-0 senza scampo agli Spurs). Sofferto e lottato nelle sfide decisive contro Utah, Dallas e Detroit, finite all’ultimo atto con il decisivo apporto del pubblico del Forum.

I Jazz hanno il merito di mettere i primi dubbi allo strapotere dei campioni. Utah sta crescendo e presto diventerà una delle più belle realtà dell’NBA. La coppia Stockton-Malone inizia ad affinarsi, ma per il momento deve accontentarsi solo di spaventare Magic e soci.

Nelle prime 4 partite, il fattore campo salta in un paio di occasioni. I Lakers hanno un primo match ball in Gara 6, ma tornano da Salt Lake City con un -28 che se non altro ha il merito di dare la giusta carica. Per Gara 7, il 21 maggio, va tutto per il verso giusto. Los Angeles non scappa ma resta sempre avanti e vince di 11 punti. Byron Scott segna 29 punti, James Worthy 23, Magic sfiora la tripla doppia (23 punti, 16 assist e 9 rimbalzi), Jabbar 11. Ci vogliono numeri così per superare quelli dei Jazz: 31 punti e 15 rimbalzi per Karl Malone, 29 punti e 20 assist per John Stockton, a cui si aggiungono i 16 di Bob Hansen e Thurl Bailey.

Scampato il primo pericolo, i Lakers dovranno affrontarne altri contro i Mavericks nella finale della Western e i Pistons nelle Finals. Ma se è vero che i successi sofferti sono indimenticabili, il ciclo di una delle squadre più forti di sempre si chiude nel modo migliore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche