Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 2 maggio 1968, i Celtics battono i Lakers e conquistano il 10° anello

nbaitalianews celtics 19681957, i Celtics conquistano il loro primo anello. 1968, appena 11 anni dopo, i trionfi hanno già raggiunto la doppia cifra. Boston batte i Lakers nelle Finals e fa suo il 10° titolo NBA della sua storia. Un trionfo data 2 maggio, giorno in cui Los Angeles viene espugnata in Gara 6: 124-109.

Il digiuno dura dunque appena una stagione. Superato in fretta lo shock del ko dell’anno prima, per mano dei 76ers di Wilt Chamberlain, i Celtics tornano a impiantare il loro vessillo sul pianeta basket. Un successo sofferto, ma forse ancora più bello.

Partito indossando i panni dell’inseguitore, costretto a finire la regular season alle spalle dei campioni in carica. Ma tornando protagonista nei playoff. Prima rifilando un 4-2 ai Detroit Pistons. Poi prendendosi la rivincita più attesa, proprio contro i 76ers, vincendo Gara 7 nel nuovo Spectrum di Philadelphia.

L’ultimo atto è un duello contro i Lakers, anch’essi arrivati alla fine partendo da un ruolo marginale. Fuori a sorpresa al primo turno i St. Louis Hawks, primi a Ovest, i californiani si calano perfettamente nella parte degli outsider. Subito un 4-1 ai Bulls, seguito da un 4-0 agli Warriors che vale il titolo della Division la carica di sfidante dei Celtics.

Le Finals sono combattute, con le due rivali che ribattono colpo su colpo. Boston resta sempre avanti e si presenta a Los Angeles, il 2 maggio, forte del 3-2 e con il primo match ball in mano. Sfruttato come meglio non si potrebbe. Basta un tempo per capire che il titolo sta per tornare in quella che è stata la sua sede naturale negli ultimi anni. All’intervallo i Celtics sono già sul +20, parente stretto del +15 di fine gara: 4-2 e in Massachusetts si torna a festeggiare.

Festeggia soprattutto Bill Russell che completa la collezione: un anello per ognuna delle dita delle sue mani. L’unico dei Celtics ad aver messo la firma su tutti i trionfi. Per lui, l’ultima è una gara da 10 punti e 12 rimbalzi. Meglio fanno John Havlicek con 40 punti e 10 rimbalzi, Bailey Howell con 30 punti e 11 rimbalzi e Larry Siegfried con 22. Sam Jones ne mette 12 e si gode il suo nono titolo in carriera. Ai Lakers non bastano i 28 punti e 11 rimbalzi di Elgin Baylor. Per il fuoriclasse di Los Angeles, i Celtics sono davvero una maledizione: entrato come rookie l’anno del titolo numero 1, ha sempre visto primeggiare i rivali, sognando un anello che non arriverà mai.

Anello che invece ritornerà puntualmente anche l’anno dopo a Boston. L’11° in poco più di un decennio. Per una delle più grandi “dittature” della storia dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche