Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 18 maggio 2008, i Celtics estromettono i Cavs sulla strada del titolo

nbaitalianews celtics cavs 2008Nove anni, come fosse oggi. Anche nel 2008, il ricco menù dei playoff NBA propone un succulento piatto: il duello tra Celtics e Cavaliers. In palio un posto per la finale della Eastern contro i Pistons. Il duello è di quelli che soddisfano i palati più esigenti. Si arriva fino a Gara 7 e Boston fa sua la serie sfruttando al meglio il fattore campo e il fattore Garden. L’ultimo atto, proprio il 18 maggio: successo 97-92.

Gli ingredienti per una grande semifinale ci sono tutti. Da una parte i Celtics, desiderosi di tornare a indossare l’anello dopo tanto tempo e dopo una stagione da protagonisti. Trascinati da nomi altisonanti come quelli di Pierce, Garnett, Rondo e Allen. Dall’altra, basta la parola: LeBron. James è più mai voglioso di portare alla sua Cleveland il primo titolo della sua storia. Ma il destino gli farà attendere ancora un po’ di tempo: il 2008 è l’anno di Boston.

La serie non ha grandi sussulti, con le due rivali che vincono le gare in casa. Si arriva sul 3-3, con Boston più che mai favorita. Forse più per il Garden che per il ruolino di marcia stagionale, coi Celtics capaci di vincere quasi 20 partite in più in fase regolare. La posta in palio altissima finisce per far dominare la paura, tanto che il primo quarto si chiude 18-13 per i padroni di casa: roba da gare all’high school. Ma appena la tensione si scioglie, si decolla.

Boston va avanti di 10 all’intervallo ma con i Cavs sono sempre in partita. Arrivano anche a 3 punti di distacco, ma alla fine sarà un +5 per i padroni di casa. Nonostante un LeBron che le prova tutte: chiude a 45, prendendosi la magra soddisfazione di vincere il duello personale con Pierce e i suoi 41. A fare la differenza sono i 13 punti e 13 rimbalzi di Garnett e la tripla doppia sfiorata da Rondo (8 punti, 8 rimbalzi e 8 assist).

Dopo il 4-3 agli Hawks nel primo turno, per i Celtics ne arriva un altro. Per fortuna di Allen e compagni, le ultime due serie saranno meno da cardiopalma: 4-2 ai Pistons e 4-2 anche ai Lakers dell’mvp Kobe Bryant, per un duello dal sapore vintage anni ‘80. Boston tornerà quindi a mettere le mani sull’NBA, un’abitudine nel passato, un po’ meno negli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche