Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 12 maggio 1974, il primo titolo dei Celtics dopo l’era Russell

nbaitalianews iverson celtics 1974Cinque anni. Tanto ci vuole ai Celtics per tornare a vincere dopo la fine dell’era di Bill Russell. Ritiratosi nel 1969 l’uomo degli 11 anelli, Boston deve aspettare fino al 1974 per riprendersi l’NBA. Interrotto sul nascere il dualismo tra Knicks e Lakers, i verdi del Massachussets stoppano la crescita dei Bucks di Jabbar e Robertson battendoli in 7 gare di finale. L’ultimo atto a Milwaukee, il 12 maggio di 43 anni fa: 102-87.

L’ultimo atto della stagione 1973/74 è il più atteso: il duello tra le due squadre che hanno dominato le rispettive Division. I Bucks, che dal 1971 sono sempre ai vertici, sfiorano quota 60 vittorie in fase regolare. Prima di disputare i loro playoff in modo quasi perfetto, iniziati con un 4-1 ai Lakers e passati per il 4-0 ai Bulls. Appena meno spettacolare il cammino dei Celtics. Per il primo posto a Est bastano 56 vittorie, così come sono sufficienti un 4-2 ai Braves di McAdoo e un 4-1 ai Knicks campioni in carica per approdare alle Finals.

Finals che vedono i Bucks in vantaggio per il fattore campo. Ma la serie si gioca tutta con Boston nel ruolo di lepre e Milwaukee sempre costretta a rincorrere. I Celtics hanno quasi l’anello al dito in Gara 6 al Garden, ma al secondo overtime ci pensa un gancio-cielo di Kareem a rovinare la festa e riportare tutti in Wisconsin.

Boston si conferma squadra da Gara 7. Vola a +13 nell’intervallo, regge il ritorno dei Bucks nel terzo quarto e allunga nel finale fino al definitivo +15 sul 102-87. Dopo l’mvp dell’anno precedente, Dave Cowens si conferma protagonista con 28 punti e 14 rimbalzi. John Havlicek si merita il premio di uomo delle Finals e ne mette 16, gli stessi di Jo Jo White. A Kareem Abdul-Jabbar non riesce l’impresa di bissare il titolo di mvp della stagione. I suoi 26 punti e 13 rimbalzi non sono sufficienti, così come 6 punti e 11 assist di Oscar Robertson.

I Celtics si riprendono l’anello, il 12° della loro storia. E per arrivare al 13° dovranno attendere appena pochi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche