Get Adobe Flash player

I Celtics ribaltano la serie coi Bulls, Thomas: «Allora non sono così male in difesa…»

thomas-boston_bullsGara 5 tra Celtics e Bulls ha fatto capire per l’ennesima volta che il cuore e la forza del gruppo della squadra di Boston sono le armi principali che hanno permesso loro di arrivare primi a Est e di rimontare la serie coi Bulls dallo 0-2. Dopo il 108 a 97 di stanotte Isaiah Thomas e compagni hanno la possibilità di qualificarsi al secondo turno vincendo la prossima partita, in programma nella notte di venerdì a Chicago.

In una serata decisamente fallosa al tiro Thomas (1 su 10 da tre) si è messo a servizio della squadra, raccogliendo 5 rimbalzi, ultimo dei quali uscendo da una mischia di 4 giocatori verso la fine del terzo quarto. Quando gli è stata fatta notare la sua energia, messa in campo soprattutto in difesa, è scoppiato a ridere dicendo: «Mi dicono sempre che sono uno dei peggiori difensori della lega».

Avery Bradley, autore di 24 punti come Thomas e per quasi tutti i possessi in marcatura su Butler, commenta così la rimonta nella serie: «È un po’ l’abitudine di questa squadra, unirsi nelle difficoltà. È un gruppo e uno staff di allenatori che ci crede sempre. Come ho detto in precedenza sapevamo di andare a Chicago e dover vincerne due, poi tornare qui e continuare a vincere. Ora è il momento di continuare il lavoro e chiudere la serie in casa dei Bulls».

Nonostante 26 punti, 11 rimbalzi e 8 assist la partita di Dwyane Wade è “sporcata” da un paio di possessi difensivi in cui è sembrato distratto, ma soprattutto dal tecnico rimediato, a distanza di 30 secondi da quello fischiato a Robin Lopez, con le squadre sull’84 pari, che hanno favorito il parziale di 20 a 5 dei Celtics, quello dell’accelerata definitiva a 5 minuti dalla fine.

Visibilmente nervoso l’allenatore dei Bulls Fred Hoiberg, che ha abbandonato la conferenza stampa alla domanda di un giornalista che voleva sapere se Thomas avesse commesso qualche infrazione di palla accompagnata (mai fischiata dagli arbitri). Ha risposto «No!», poi si è alzato ed è andato via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche