Get Adobe Flash player

Boston pareggia la serie coi Bulls, botta e risposta tra coach Hoiberg e Thomas

isaiah thomas celticsI Boston Celtics sono ancora vivi e vincendo Gara 4 104 a 95 pareggiano la serie con i Chicago Bulls, riconquistando il vantaggio del fattore campo. 33 punti di Isaiah Thomas, che prova a mettersi alle spalle la settimana più difficile della sua vita.

«Con la mente e le emozioni non sono qui», ha detto il play dei Celtics, «ho provato a mettere in campo l’energia che mi hanno dato i compagni. Mi hanno dato fiducia e senza questi ragazzi vicino non avrei mai potuto fare quello che ho fatto. Tutti qui credono in me ed essere qui a lottare al loro fianco mi ha fatto bene».

L’infortunio che ha escluso Rajon Rondo (multato dalla NBA per lo sgambetto tentato ai danni di Jae Crowder) dalla serie ha facilitato la vita di Thomas, che però a detto del coach dei Bulls Fred Hoiberg trae enorme vantaggio commettendo continue infrazioni: «Marcare un giocatore che commette in continuazione “palla accompagnata” è impossibile. Thomas è un guerriero, un campione, ma se ti viene concesso di dribblare in questo modo, mettendo la mano sotto la palla e fare due o tre passi prima del palleggio successivo, è impossibile marcarti».

Pronta la risposta di Thomas, che in conferenza stampa si è lasciato andare a un sorriso: «È vero che è impossibile marcarmi, ma non per quel motivo».

Storie tese in campo anche tra Jimmy Butler, autore di 33 punti, e Marcus Smart, dopo un canestro di Canaan a inizio secondo quarto. Smart ha fatto finta di tirare la palla addosso a Butler e i due si sono messi faccia a faccia, rimediando un tecnico a testa.

«È un grande attore», ha detto Butler dell’avversario, «questo è quello che fa sempre, ma io sono la persona sbagliata con cui fare questo tipo di cose, che se la prenda con qualcun’altro».

La serie è sul 2 a 2 e si torna a Boston con gli animi molto più caldi. Si prevedono altre scintille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche