Get Adobe Flash player

Tim Hardaway: «Sono io l’inventore del crossover, non Iverson»

Tim HardawayAmanti delle feud tenetevi pronti perché in queste ore potrebbe nascerne una tra due nostre vecchie conoscenze come Allen Iverson e Tim Hardaway. Oggetto del contendere? Chi sia il vero e proprio ispiratore, teorico e virtuoso del “crossover”, termine traducibile (o quasi) come palleggio incrociato.

Un argomento su cui Hardaway non ha alcun dubbio al riguardo, visto che in una lunga intervista ha apertamente marcato le distanze col suo collega: «Quando si parla di crossover pensano tutti ad Allen Iverson, per questo voglio mettere le cose in chiaro: lui portava indietro la palla, cosa ben diversa. Sono io il vero “killer” di questa finta e ancora oggi tutti imitano me, non Allen. E soprattutto nessuno è riuscito a portare ancora alcuna miglioria. Questa è la verità non c’è bisogno di aggiungere altro. Sono io quello che ha portato uno stile unico al gioco».

Che sia vero o meno è difficile da dire senza spaccarsi in fazioni opposte tra suoi sostenitori e suoi detrattori. Ma il nocciolo del problema sembra essere in realtà un altro e travalica dalla paternità della mossa, visto che Hardaway ha fatto capire di voler usare il crossover solo per rivendicare il suo diritto di far parte della Hall of Fame.

I cui meccanismi però non sono certo suscettibili di simili forzature. Se ci riuscirà o meno è tutto da vedere, ma nel frattempo può aspettare e vedere se Iverson da parte sua voglia decidere di rispondere per le rime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche