Get Adobe Flash player

Si accende la faida Warriors-Thunder, con i primi che si dicono furiosi per l’accoglienza riservata a Durant

westbrook durantL’ultimo incontro stagionale tra Warriors e Thunder parte nel migliore dei modi, con la franchigia di Oakland sul piede di guerra per come i padroni di casa hanno deciso di “non” omaggiare Kevin Durant. Come ricorderete il cestista ha trascorso ben 8 anni, cioè quasi tutta la sua carriera in NBA finora, ad Oklahoma City e quando lo scorso anno fu annunciato il suo trasferimento molti, a cominciare dai compagni di squadra, se la legarono al dito vedendolo non solo come un tradimento ma come il tentativo di vincere facile.

Era scontato che i rapporti si incrinassero ma certo nessuno poteva credere che arrivassero sino al punto di veri e propri insulti, era lo scorso 11 febbraio, quando i suoi vecchi tifosi gli apostrofarono la madre e si presentarono con una tenuta abbastanza provocatoria. Per la cronaca in quell’occasione segnò ben 34 punti e vinse.

Questa volta però dovrebbe essere tutto diverso visto che per via del recupero dall’infortunio al ginocchio non giocherà ed in molti si chiedono cosa sceglierà Kerr, cioè se tenerlo in panchina e lasciarlo in pasto al suo ex pubblico o se fargli assistere l’incontro direttamente dagli spogliatoi.

Certo è che gli Warriors non hanno minimamente fatto finta di nulla ed anzi, tramite ESPN, hanno indirizzato parole di fuoco agli avversari dicendosi «furiosi e sconcertati per l’ambiente ostile che si è venuto a creare» e che un atteggiamento del genere «finisce solo con l’esasperare ancor di più i toni nei confronti di un cestista che, come lui, è stato a lungo considerato tra i migliori nella storia dell’intera franchigia».

Nel frattempo i Thunder hanno tentato di metterci una pezza in un lungo comunicato firmato dal GM Sam Presti in cui, pur riconoscendo i suoi contributi, si incentra sugli attuali cestisti come Westbrook rimasti fedele alla causa. Appuntamento quindi a stasera per quella che si preannuncia tutto meno che una gara come le altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche