Get Adobe Flash player

La notte dei record di Nurkic e un messaggio alla vecchia squadra: «Finalmente gioco qualche minuto»

nurkic blazersAi Nuggets praticamente non ha mai giocato, chiuso nelle rotazioni da Nikola Jokic, astro nascente della squadra di Denver. Jusuf Nurkic è riuscito a farsi accontentare dalla società, che lo ha scambiato con i Portland Trail Blazers per Mason Plumlee. Con la sua nuova maglia Nurkic ha raddoppiato la media di assist, segna più punti e ora può “scippare” proprio ai Nuggets l’ottava piazza a Ovest (ultima per accedere ai playoff).

Stanotte, nella vittoria all’overtime sui Philadelphia 76ers, è riuscito a registrare il record in carriera in punti (28), rimbalzi (20), assist (8) e stoppate (6).

«Sono contento, ma la cosa più importante è che la squadra abbia vinto. Siamo in corsa per i playoff e io voglio assolutamente andarci», queste le parole di Nurkic, visibilmente emozionato nel prendersi la scena a fine partita.

È già un beniamino dei tifosi, tanto che a Portland è iniziata la “Nurkic Fever”.

Alla fine dell’intervista il lungo al terzo anno in NBA manda una frecciata alla sua ex squadra: «I miei record personali non significano molto, perché questa è la prima volta che ho potuto giocare per qualche minuto in tutta la mia vita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche