Get Adobe Flash player

La lotta per i playoff a Est: bene i Pacers, i Bulls non mollano, Hawks allo sbando, Hornets ancora in corsa

Utah Jazz v Indiana PacersÈ una vera e propria volata, che si risolverà solo negli ultimi metri. 7 squadre sono ancora in lotta per le ultime 4 posizioni a disposizione per un posto ai playoff della Eastern Conference. I più alti in classifica sono i Pacers (37-36), che dopo 2 KO consecutivi stanotte hanno battuto i Philadelphia 76ers 107 a 94, spinti dalla coppia Myles Turner (17 punti e 16 rimbalzi) – Paul George (21 punti e 8 rimbalzi).

Calendario tutto sommato agevole per i Pacers, che affronteranno una volta i Cavs, 2 i Raptors, squadre con uno score inferiore al loro, per poi arrivare all’ultima di campionato con gli Hawks, attualmente pari a loro in classifica.

Con lo stesso score dei Pacers troviamo i Milwaukee Bucks, battuti ieri sera in casa dai Chicago Bulls. I Bulls si piazzano al nono posto, con solo una sconfitta in più degli Heat ottavi, spinti da Nikola Mirotic; per il naturalizzato spagnolo 28 punti e 11 su 14 dal campo contro i Bucks. Dall’infortunio di Wade è lui l’arma in più dei Bulls.

Pari a Bulls e Bucks ci sono gli Atlanta Hawks, che stanotte contro i Brooklyn Nets rimediano la settima sconfitta consecutiva. Assenze pesanti quelle dei tre titolari Kent Bazemore, Thabo Sefolosha e Paul Millsap per i gli Hawks, che però sembra che abbiano mollato.

Dwight Howard, autore di 19 punti con 16 rimbalzi, ci aiuta a capire il motivo: «Credo sia arrivato il momento di giocare da squadra e capire che il nemico è l’avversario, non il compagno di squadra».

I Miami Heat sono al momento ottavi, ma stanotte devono soccombere sul campo dei Boston Celtics. Solito trentello di Isaiah Thomas, con 20 punti nel solo secondo tempo. Tyler Johnson segna 24 punti e James Johnson 20 per gli Heat.

Il trenino delle squadre in lotta per i playoff a Est è chiuso dagli Charlotte Hornets di Marco Belinelli, ancora aggrappati a una piccola speranza di farcela. Nella notte è arrivato il successo sui Phoenix Suns, grazie soprattutto ai 31 punti con 9 rimbalzi di Kemba Walker. Solo 2 vittorie in meno degli Heat ottavi, ma 3 squadre da superare da qui alla fine. Serve un percorso netto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche