Get Adobe Flash player

Knicks umiliati dai Nets e Kyle O’Quinn ha il coraggio di insultare gli avversari

Kyle O'QuinnUn’altra figuraccia per i New York Knicks, che perdono contro i Brooklyn Nets per la seconda volta in 5 giorni, questa volta di fronte al proprio pubblico. Non è che le speranze di arrivare ai playoff fossero molte, ma con prestazioni di questo tipo Carmelo Anthony e compagni faticheranno a conquistare anche una singola vittoria da qui a fine stagione (per loro fortuna ormai molto vicina).

Analizzare i numeri della partita sarebbe fin troppo impietoso per i Knicks, che hanno vinto solo 3 partite delle ultime 10 e vengono dominati dall’ex Jeremy Lin e Brook Lopez, il migliore dei Nets con 24 punti.

Il migliore dei Knicks è Kyle O’Quinn che pareggia il suo record in carriera, uscendo dalla panchina, e mettendo a referto 23 punti. Dopo la partita però rovina questa sua minima soddisfazione analizzando così la sconfitta: «È difficile capire come sia possibile perdere così. Per fortuna non li incontreremo più quest’anno. Giocare contro una squadra così è difficile, perché se guardi la formazione ti chiedi come sia possibile che siano nella stessa palestra con te. Però hanno giocato duro e a marzo può succedere di tutto. Tutti possono vincere a marzo».

Le ragioni dell’ennesima stagione fallimentare sono molte, ma è forse fin troppo chiaro che i Knicks pensavano di essere una super squadra a inizio anno e molti di loro ancora lo pensano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche