Get Adobe Flash player

Il Madison senza musica e spettacolo e Draymond Green commenta: «Patetici»

Golden State Warriors v New York KnicksUn esperimento che ha lasciato tutti interdetti quello messo in atto dallo staff dei Knicks per la partita al Madison Square Garden contro i Golden State Warriors. Per tutto il primo tempo, compresa l’introduzione delle due squadre, all’arena di New York i tifosi hanno assistito a una partita senza musica, effetti di luci e spettacoli di intrattenimento, che di solito animano le pause dei timeout.

“Il primo tempo della partita di oggi andrà in scena senza musiche, video o entertainment per farvi godere il gioco nella sua forma più pura. Godetevi il suono del gioco”. Così recitava l’annuncio mostrato sui maxischermi del Madison e in pochi minuti la notizia è diventata virale.

La cosa non è piaciuta a molti tifosi e giocatori in campo. Non poteva non commentare Draymond Green, che ha contribuito con 13 punti, 7 rimbalzi e 4 assist alla vittoria degli Warriors per 112 a 105: «È stato patetico, ridicolo. Ha cambiato totalmente l’andamento della partita. Siamo abituati a giocare in un altro modo e questo cambia completamente le cose. È veramente irrispettoso nei confronti di chi gioca, chi lavora nel basket e chi va a vedere uno spettacolo che ha bisogno anche dell’intrattenimento».

«Il sound delle partite NBA aiuta a creare un’atmosfera elettrizzante e così si rovina tutto. È come tornare indietro a quando non avevamo i computer, perché dovremmo farlo? È assolutamente ridicolo».

Analisi dura alla quale fa eco quella di Steve Kerr: «È stato strano. Siamo talmente abituati alla musica e agli spettacoli che ci accorgiamo quanto sia diverso giocare senza. Tutto molto tranquillo, ma alla fine era domenica. Io non critico la scelta, ma personalmente ho preferito il secondo tempo».

Chi ha avuto la fortuna di andare ad assistere a una qualsiasi partita NBA sa bene che musica, video e spettacoli fanno la metà del biglietto. Non credo che i Knicks verranno imitati da altre squadre, sarebbe davvero un passo indietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche