Get Adobe Flash player

I Celtics celebrano il titolo del 2008 ed escludono Allen. Rondo: «Ci ha traditi»

celtics 2008

Si torna a parlare di tradimenti, questa volta non di quello di Kevin Durant, passato dai Thunder agli Warriors, ma di uno più “datato” che però dalle parti di Boston ancora non è stato dimenticato.

Dopo aver vinto un campionato nel 2008 e aver perso una finale coi Lakers nel 2010, nel 2012 Ray Allen ha lasciato i Celtics per firmare un contratto con i rivali a Est, i Miami Heat, battendo proprio i Celtics nella finale di Conference. Si è smembrato il Big Four composto dal capitano Paul Pierce, Kevin Garnett e un giovane Rajon Rondo e i tre rimasti fedeli alla squadra ancora non hanno perdonato l’abbandono, tanto da escludere Allen dalle celebrazioni per il titolo del 2008.

A parlare è proprio Rondo, che ha rivelato: «Ho chiesto se Allen sarebbe stato presente e mi hanno risposto semplicemente di no. É una lunga storia, non so se esistono situazioni paragonabili, ma è stato un divorzio sentito. Eravamo in guerra con quei ragazzi e passare col nemico è una cosa difficile da digerire nello sport».

«In una squadra come quella, così unita, fare una cosa del genere era inconcepibile», ha continuato, «non è una cosa che riguarda solo me. Ho chiesto ai veterani cosa pensassero a riguardo e mi hanno risposto di accettare semplicemente di festeggiare senza di lui».

Pierce non ha commentato queste parole o l’esclusione che sembra ufficiale, ma aveva commentato quella scelta così: «Eravamo come fratelli, ho provato a chiamarlo prima del suo trasferimento, ma non mi ha mai risposto. Ci ha abbandonati senza darci una spiegazione».

Non tutti i campioni del 2008 sono contro Allen, c’è il centro Leon Powe che prova a difenderlo: «Pensavo che Ray venisse invitato. È uno dei miei migliori amici, spero che qualcuno faccia qualcosa».

Si attende una replica di Allen, ma non è mai stato un giocatore che ha amato le dichiarazioni pubbliche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche