Get Adobe Flash player

Gli Warriors rimontano gli Spurs e blindano il primo posto, altro record per Westbrook, Wizards battuti dai Clippers

curry green warriors29 punti di Stephen Curry, 23 di Klay Thompson e i Golden State Warriors battono 110 a 98 i San Antonio Spurs per la nona vittoria di fila, recuperando da uno svantaggio di ben 22 punti accumulato nel solo primo quarto. Ora i finalisti della scorsa stagione hanno 4 vittorie di vantaggio sui rivali, a un passo dall’ufficialità del primo posto e che vale il fattore campo in una finale di Conference.

La chiave della partita è stata la marcatura su Kawhi Leonard, marcato da diversi giocatori in rotazione e limitato a soli 4 canestri su 20 tentativi dal campo. «Abbiamo lavorato bene contro di lui», ha detto coach Kerr, «è un lusso avere Iguodala, Barnes, Livingston o Thompson e poterli ruotare in marcatura. Una cosa fondamentale per noi».

«L’anno scorso ci siamo avvicinati ai playoff con l’ansia del record delle 73 vittorie in stagione regolare da battere», ha detto Curry, «non è un gran modo di affrontare la post season, certo ci ha emozionato, ma avevamo degli atteggiamenti sbagliati che andavano corretti. Credo che ora abbiamo capito come lottare e quanto sia importante difendere come si deve per vincere, specialmente ai playoff».

Staccano ufficialmente il biglietto per i playoff anche gli Oklahoma City Thunder, che battono gli Orlando Magic al supplementare 114 a 106 mettendo a punto la più grande rimonta della storia per la franchigia (-21 nel terzo quarto), in una notte in cui Russell Westbrook scrive un’altra incredibile pagina di una stagione pazzesca. 57 punti, 13 rimbalzi e 11 assist per il numero 0, che è l’unico a registrare una tripla doppia con almeno 50 punti nella storia NBA.

«È un onore», ha detto Westbrook, «cerco di giocare ogni partita e di competere ad alti livelli. Questi numeri sono qualcosa di cui vado molto fiero».

Come al solito reciteranno il ruolo della “mina vagante” i Los Angeles Clippers, che per l’ennesimo anno si apprestano ad affrontare i playoff con l’urgenza di arrivare più in fondo possibile, visto che il gruppo sul quale si poggia la squadra potrebbe essere smembrato al termine della stagione. Intanto però battono una delle candidate alla finale di Conference a Est come gli Washington Wizards.

J.J. Redick registra il record stagionale di 31 punti con 7 triple e anche gli altri componenti del “Big Four” vanno oltre i 20 punti: Jordan 23, Griffin 26 e Chris Paul 27. Annullati i 41 punti di John Wall. Washington che comunque si era levata la soddisfazione di vincere la Southeast Division per la prima volta in 28 anni, vincendo ieri contro i Lakers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche