Get Adobe Flash player

Gli Spurs raggiungono gli Warriors in vetta, Towns e Rubio stoppano gli Wizards, i Bulls affondano gli Hornets,

Kawhi-LeonardDopo averli battuti, anche se con molte assenze, i San Antonio Spurs completano l’opera e raggiungono in cima alla Western Conference i Golden State Warriors, vincendo in casa contro gli Atlanta Hawks 107 a 99. Kawhi Leonard torna in campo dopo l’infortunio (o presunto) che lo ha lasciato fuori contro i vicecampioni e realizza 31 punti, dimostrando ancora una volta di non essere più solo uno dei migliori difensori, ma il punto di riferimento dell’attacco Spurs.

Record in stagione di triple (16) per i ragazzi di Popovich, che fanno un ottimo lavoro per ovviare alle assenze dei play Tony Parker e Dejounte Murray. Dennis Schroder segna 22 punti con 10 assist per gli Hawks, che non battono gli Spurs a San Antonio dal 1997.

Si interrompe a 5 la striscia di vittorie degli Washington Wizards, in lotta coi Celtics e i Cavs per il primo posto a Est, che cadono a Minnesota 119 a 104. Partita perfetta di Karl-Anthony Towns con 39 punti e di Ricky Rubio, con 22 punti e il record di franchigia di 19 assist.

In caduta libera gli Charlotte Hornets di Marco Belinelli, che a inizio anno sembravano in grado di restare alti in classifica, ma che dopo il KO di stanotte coi Bulls, scivolano all’11esimo posto. A fare la differenza per Chicago sono 2 giocatori che quest’anno hanno faticato a guadagnarsi minuti nelle rotazioni di coach Hoiberg e che a fine febbraio sembravano pronti a partire: Nikola Mirotic segna 24 punti e Rajon Rondo 20 (record in stagione).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche