Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 28 marzo 1990, Jordan fa 69 e stabilisce il suo primato di punti

nbaitalianews jordan 1990Ai Chicago Bulls 1989/90 manca solo il titolo per suggellare la definitiva maturità. L’arrivo in panchina di Phil Jackson è ciò che mancava per il definitivo salto di qualità. Michael Jordan deve ancora rinviare di un anno l’appuntamento con l’anello. Intanto si prende per la quarta volta di fila il titolo di miglior marcatore e soprattutto il record personale di punti in una singola partita. Il 28 marzo 1990, a Cleveland, ce ne vogliono 69 del numero 23 per avere la meglio dei Cavs: 117-113 dopo un supplementare.

In NBA si sta ancora parlando dei 60 punti di Tom Chambers, messi a segno 4 giorni prima in una gara tra Suns e Trail Blazers. E Jordan decide di cambiare subito la storia. Contro i Cavaliers piazza una prova da 23 su 37 al tiro, con 21 su 23 ai liberi, oltre a 18 rimbalzi e 6 assist. Nei Bulls, solo Horace Grant supera la doppia cifra con i suoi 16. Eppure Chicago deve ricorrere all’overtime per ottenere la vittoria numero 45 (delle 55 in regular season).

Cleveland non molla e recupera anche 11 punti nel quarto quarto. In 6 vanno in doppia cifra e 3 superano quota 20: Mark Price 31, Craig Ehlo 26 e Hot Rod Williams 23 (oltre a 10 rimbalzi). I Cavs navigheranno fino a fine stagione sull’orlo della parità, chiudendo con un 42-40 che varrà i playoffs. Anche se con i 76ers sarà subito fine della corsa.

I Bulls culleranno a lungo il sogno dell’agognato titolo. Spazzata via Milwaukee (3-1) e la stessa Philadelphia (4-1), Jordan e compagni costringeranno a Gara 7 i Detroit Pistons campioni in carica e prossimi al bis. Ma ormai tutti hanno capito che Chicago sta per diventare l’epicentro dell’NBA e lo sarà per i successivi 3 anni.

Il 69 di Air Mike, messo a segno quel 28 marzo 1990, resterà per un po’ la miglior prova individuale di sempre (ovviamente nell’era post Wilt Chamberlain!) Solo in 3 sapranno fare meglio: David Robinson nel 1994 con 71, Kobe Bryant nel 2006 con 81 e, 4 giorni fa, l’incredibile 70 di Devin Booker.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche