Get Adobe Flash player

Esordio per un arrugginito Nate Robinson in D-League

Nate RobinsonHa cercato molte volte di richiamare l’attenzione delle squadre NBA, anche con qualche post sui suoi social network, ma alla fine Nate Robinson ha deciso di ripartire dalla D-League, per provare a mettersi in mostra. Questa notte ha esordito con la maglia dei Delaware 87ers (squadra affiliata ai Sixers) contro i Maine Red Claws (affiliati ai Celtics) ed è sembrato lontano dalla miglior forma.

Per il 3 volte campione dello Slam Dunk Contest solo 18 minuti in campo, con un solo canestro a referto per 3 punti, con 1 su 8 al tiro. Gli 87ers hanno vinto la partita, grazie soprattutto ai 40 punti di James Webb III.

«Sono nervoso ma al contempo esaltato per questa opportunità», ha detto Robinson, «ho i miei bambini che mi tengono impegnato, ma voglio dimostrare soprattutto a loro di poter ancora giocare ed essere un leader».

«Voglio rimettermi in gioco per concludere la carriera come si deve. Ho abbandonato la NBA in un modo che non mi è piaciuto, esattamente com’è successo al mio giocatore preferito Allen Iverson, e voglio invece lavorare per lasciare un ottimo ricordo. Devo continuare dare tutto perché l’opportunità è dietro l’angolo».

Il piccolo grande Nate (classe ’84) chiude con un messaggio a chi lo pensa già vecchio: «Devi essere giovane nella testa e allenarti sempre. Io mi sento giovane e spero di poterlo dimostrare in questa lega».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche