Get Adobe Flash player

Crisi Knicks, parla Jennings: «Siamo senza voglia e intensità»

brandon-jenningsÈ un KO che brucia e che non può certo lasciare spazio ad alibi o ad altro quello rimediato in casa dai Knicks ieri sera contro i Lakers, 121 – 107, capace di pesare ancora di più se aggiungiamo che è stato subito in casa. Un campanello d’allarme poi se analizziamo l’andazzo dall’inizio di tutto il 2017, non certo brillante, dove ci sono state 14 sconfitte e solo 6 vittorie aggravate da un ritmo spaventoso con un risultato positivo circa ogni due gare perse.

Il primo ad interrompere un silenzio quasi umiliante è stato Brandon Jennings che, senza farsi alcuno sconto, ha analizzato con crudo realismo la realtà dei fatti:

«È stato sicuramente il peggiore incontro di tutta la stagione. Non puoi allenare il mordente o l’energia da avere in campo. Noi giocando guadagniamo milioni di dollari, quindi il minimo che possiamo fare è andare là fuori e giocare come si deve ogni sera. Perdere così non fa mai piacere, soprattutto se di fronte al tuo pubblico. Dobbiamo metterci il giusto impegno e andare fino in fondo».

E certo, senza nulla togliere a Los Angeles, perdere così contro una franchigia che non brilla certo per i risultati da qualche tempo a questa parte è il colmo di una situazione a tratti grottesca.

Hornacek e Carmelo Anthony possono fargli eco quanto vogliono, per il coach «bisogna scendere in campo con orgoglio, chi non lo fa non ha capito che forse si trova nel posto sbagliato», ma il problema resta sempre lo stesso. E certo le tante voci su una partenza possibile di Melo non aiutano a trovare la giusta serenità per poter riuscire a superare una tale impasse.

2 risposte a Crisi Knicks, parla Jennings: «Siamo senza voglia e intensità»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche