Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 27 febbraio 1959, la rivalità tra Celtics e Lakers entra nel vivo

nbaitalianews cousy celticsNon c’è NBA senza Celtics e Lakers. La rivalità tra le due avversarie è storia vecchia. Fin dalla fine degli anni ‘40 quando i gialloviola, ancora di stanza a Minneapolis, iniziano a mietere successi con 5 trionfi in 6 anni dal 1948 al 1954. Prima di passare la mano agli avversari, che monopolizzano il basket USA per un decennio.

L’inizio della dittatura di Boston parte di fatto dalla stagione 1958/59, quando arriva il primo di 8 titoli di fila. Con tanto di “cappotto” (4-0) rifilato ai Lakers nelle Finals. Ma ancora prima di trovarsi di fronte con l’anello in palio, le due squadre danno spettacolo in regular season. Come nella sfida giocata in Massachusetts il 27 febbraio 1959.

I Lakers segnano 139 punti ma finiscono battuti di 34! Sì, i Celtics finiscono a quota 173, per una sfida che ancora oggi rientra tra le 10 con il punteggio più alto. I padroni di casa riescono persino a non sentire la mancanza dell’MVP in carica Bill Russell e mandano 7 giocatori in doppia cifra. Tom Heinsohn ne mette 43, Bob Cousy 31, ma soprattutto piazza 28 assist. La guardia nativa di New York, che sta dominando la classifica di specialità da 7 anni, stabilisce il record assoluto per l’intera Lega.

Un primato che verrà eguagliato pochi anni dopo da Guy Rodgers e quel 28 reggerà fino al 1978, battuto dal 29 di Kevin Porter.

Cosa invece andrà ben oltre quella data sarà la rivalità tra Celtics e Lakers, soprattutto dopo il trasloco di questi ultimi a Los Angeles. Le mitiche sfide degli anni ‘80, nel nome di Magic Johnson e Larry Bird, faranno innamorare del basket migliaia di appassionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche