Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 23 febbraio 1972, Tiny Archibald regala l’ultimo sorriso a Cincinnati

nbaitalianews-archibald-kingsL’inizio degli anni ‘70, segna la fine del sogno NBA per la città di Cincinnati. I Royals, che erano approdati da Rochester nel 1957, si apprestano a traslocare a Kansas City. Ma prima di dire addio la squadra, i tifosi dell’Ohio hanno il piacere di vedere all’opera Nate Tiny Archibald.

La guardia nativa di New York approda a Cincinnati nel 1970 come promessa. E nel 1972 è già una conferma. La sua seconda e ultima stagione con i Royals (l’anno dopo diventeranno quei Kings che conosciamo oggi) vede un netto salto di qualità: gli assist passano da 5.5 a 9.2 a partita e i punti da 16 a 28.2. Una crescita esponenziale, che passa anche da partite come quella del 23 febbraio 1972.

I Royals ospitano i Portland Trail Blazers, in quel momento la squadra con il peggior bilancio della Lega. I padroni di casa sfruttano l’occasione e vincono di misura 110-106. Metà dei punti, cioè 55, portano la firma di uno scatenato Archibald. Ai Trail Blazers non basta avere 6 uomini in doppia cifra, tra cui spiccano i 30 di Sidney Wicks che a fine stagione verrà eletto Rookie dell’anno.

Sarà l’unica gioia per Portland che finirà ultima con appena 18 vittorie. Cincinnati proverà fino alla fine a entrare nella post season, ma il 5° posto a Est non sarà sufficiente. Il trasloco dall’Ohio inizierà quindi un po’ mestamente. Ma a Kansas City, Archibald crescerà ancora e nella stagione successiva vincerà la classifica dei punti (oltre 30 a gara) e quella degli assist.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche