Get Adobe Flash player

30 punti dai Rockets per Cousins all’esordio coi Pelicans, mentre i Kings battono i Nuggets

cousins nolaNon sarà da ricordare la prima partita di DeMarcus Cousins con la maglia dei New Orleans Pelicans, visto che arriva una sconfitta per 129 a 99 per mano degli Houston Rockets. 27 punti e 14 rimbalzi per Boogie e 29 per Anthony Davis, che torna coi piedi per terra dopo il momento magico dell’All-Star Game e il premio di MVP.

«Nessuno si aspettava di vincere il titolo dopo una sola partita», ha detto Cousins, «sappiamo di avere del potenziale, ma sappiamo anche che c’è molto lavoro da fare. Houston è una squadra forte, attrezzata per puntare in alto; hanno trovato una loro identità e dovremmo farlo anche noi. È un processo lungo, ma credo che alla fine ce la faremo».

Non molti sorrisi dopo la sirena, a differenza delle interviste che hanno preceduto l’esordio, dove Cousins rideva e scherzava.

A ridere sono gli Houston Rockets, che si godono i 27 punti con 7 triple del neo arrivato Lou Williams. Il leader NBA di punti in uscita dalla panchina ha fatto da subito capire perché Mike D’Antoni lo volesse da subito con lui.

La vecchia squadra di Cousins intanto vince uno scontro diretto fondamentale contro i Denver Nuggets, che ritrovano Danilo Gallinari dopo l’infortunio. Per l’italiano 15 punti in 30 minuti, che non bastano per battere i Kings, trascinati da Willie Cauley-Stein, al record di punti in carriera (29).

Cauley-Stein, a 13 minuti di media in stagione, non aveva mai avuto la possibilità di dimostrare il proprio valore, chiuso da uno dei lunghi più forti della NBA. 16 punti anche per il nuovo acquisto dei Kings Buddy Hield.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche