Get Adobe Flash player

Spurs quinta in fila, passo in avanti per Bulls e Wizards, Wiggins condanna i Jazz, Jokic trascina Denver

lamarcus-aldridge-nba-san-antonio-spurs-memphis-grizzlies-850x560I San Antonio Spurs si avvicinano alla vetta della Western Conference conquistando contro i Toronto Raptors la quinta vittoria consecutiva per 108 a 106, nonostante le assenze di Kawhi Leonard, Tony Parker e Pau Gasol. LaMarucs Aldridge guida gli Spurs con 21 punti, è ottimo il contributo in uscita dalla panchina di Patty Mills, che realizza 18 punti, ma fondamentale anche quello del rookie Dejounte Murray, che mette a segno un piazzato decisivo nel finale.

Anche i Raptors erano privi della loro stella DeMar DeRozan e hanno addirittura avuto la chance della tripla del successo con Norman Powell. 30 punti, ma 9 su 23 al tiro per Kyle Lowry.

Gli Spurs sono così una delle 8 squadre nella storia NBA a vincere almeno 20 delle prime 24 trasferte in stagione, mentre i Raptors perdono l’occasione di avvicinarsi ai Cavaliers, primi ad Est.

Approfittano della crisi generale nella Eastern Conference gli Washington Wizards, che vincono la sfida con i Boston Celtics, una delle più sentite dopo le polemiche recenti. 13 punti dei 31 totali segnati nel solo ultimo quarto per Bradley Beal e 27 per un ispirato John Wall condannano i Celtics alla terza sconfitta consecutiva. Isaiah Thomas segna 25 punti con 13 assist, ma non riesce a dare il suo solito contributo nel finale, chiudendo il quarto quarto con 1 su 7 dal campo.

Avanzano in classifica anche i Chicago Bulls, alla seconda vittoria consecutiva contro gli Orlando Magic. 21 punti per Dwyane Wade e 20 per Jimmy Butler, ma ottima la partita di Jerian Grant, schierato play titolare al posto di Carter-Williams. Con Evan Fournier, Jodie Meeks e D.J. Augustin fuori per infortunio è corta la rosa di Frank Vogel e i limiti dei Magic sono evidenziati dalle 19 palle perse (10 delle quali del play Elfrid Payton). Ecco perché c’è bisogno di un playmaker.

Si rialzano dopo un lungo periodo di crisi i Minnesota Timberwolves, alla terza vittoria consecutiva e la sesta nelle ultime 8. Eroe della serata è Andrew Wiggins che si prende l’ultimo tiro e lo realizza proprio sulla sirena per il 112 a 111 sui Phoenix Suns. Una gioia, quella della vittoria sulla sirena, che non accadeva ai Timberwolves dal lontano 2012, per opera di Luke Ridnour.

Continua a stupire l’ascesa di Nikola Jokic vero trascinatore e centro del gioco dei Denver Nuggets. 23 punti e 11 rimbalzi per lui nella vittoria sugli Utah Jazz, che sono al secondo KO consecutivo dopo la serie di 6 vittorie che li aveva rilanciati in classifica. Per il nostro Danilo Gallinari 11 punti e una schiacciata in transizione che vedremo tante e tante volte negli highlights.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche