Get Adobe Flash player

I Cavs perdono ancora, Isaiah Thomas re del quarto quarto, career-high di Mike Conley

Cleveland Cavaliers v Dallas MavericksInizia a farsi preoccupante la crisi di risultati dei Cleveland Cavaliers, che vengono battuti anche dai Dallas Mavericks molto più indietro in classifica 104 a 97. Mese di gennaio da dimenticare per i campioni in carica, che chiudono col record negativo di 7-8, una cosa che non capitava a LeBron James dal 2006.

23 punti per James e un totale di 2 su 14 da tre, un solo punto nel quarto quarto e 11 delle 17 palle perse di squadra se mettiamo insieme i suoi numeri con quelli di Kyrie Irving. Squadra che non riesce a trovare un’armonia dopo l’arrivo di Kyle Korver e le continue voci di mercato, oltre che le richieste di James che vuole a tutti costi un playmaker e mettono a rischio anche il primo posto a Est.

Mavs che invece si tolgono la soddisfazione di battere 2 candidate al titolo in 2 giorni, dopo lo sgambetto ai danni dei San Antonio Spurs di ieri. Harrison Barnes è il migliore con 24 punti e 11 rimbalzi, aiutato dai 21 punti di Wesley Matthews.

Alla quarta vittoria consecutiva e sempre più vicini ai Cavs in classifica troviamo i Boston Celtics, che trascinati da un Isaiah Thomas pazzesco battono i Detroit Pistons 113 a 109. Per Thomas 41 punti, di cui 24 nel solo quarto quarto, frazione in cui è padrone assoluto, 8 assist e 15 su 15 ai liberi.

L’allenatore dei Pistons Stan Van Gundy ammette di aver sottovalutato il play avversario: «Ho fatto una ca**ata enorme, dovevo raddoppiarlo sistematicamente nel quarto quarto».

Per far capire, se mai ce ne fosse bisogno, di che livello di prestazioni stiamo parlando, basta dire che Thomas ha una media di 32,5 punti a gennaio; solo 2 giocatori nella storia dei Celtics hanno fatto meglio in un mese: Paul Pierce 33,5 nel febbraio del 2006 e Larry Bird 33,1 nel febbraio del 1988.

Record di punti in carriera per Mike Conley, che ne mette a referto 38 trascinando i Memphis Grizzlies alla vittoria sui Phoenix Suns 115 a 96. Dopo aver firmato un contratto stellare in estate Conley si è (o è stato) convinto di essere anche un ottimo attaccante e questa è la sua miglior stagione per media punti (19,2) e stanotte ha pareggiato il record di triple (7).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche