Get Adobe Flash player

Gli Spurs dominano i Raptors, career-high di assist per Thomas, 17 triple dei Lakers per battere i Grizzlies

Leonard Parker SpursServiva una prestazione così per riscattarsi dopo la sconfitta con gli Hawks e i San Antonio Spurs giocano la miglior partita, vincendo in casa contro i Toronto Raptors 110 a 82. Kawhi Leonard segna 25 punti, LaMarcus Aldridge ne aggiunge 23, i Raptors sono limitati al più basso punteggio in stagione e soprattutto Kyle Lowry è contenuto perfettamente dalla difesa degli Spurs, che gli concede soli 6 punti.

«È stata una prestazione da titolo fatta da una squadra da titolo», ha commentato l’allenatore dei Raptors Dwane Casey, «è esattamente così che si entra in campo, con un approccio e un’intensità che noi proprio non abbiamo avuto. Ed è andata così fin dal primo possesso».

55% dal campo per i ragazzi di coach Popovich, con ben 32 assist su 43 canestri, soprattutto per merito di un ispirato Tony Parker, che realizza 15 punti e 8 assist in soli 23 minuti.

Vittoria numero 8 nelle ultime 10 per i Boston Celtics, che battono gli Utah Jazz 115 a 104. Il protagonista è nuovamente Isaiah Thomas che mette a referto 29 punti e il record in carriera di 15 assist. Celtics letali dalla distanza, con 17 triple messe a segno per la seconda partita consecutiva.

Sembra che il segreto della velocità dei Celtics siano stati i 2 giorni di riposo concessi da coach Brad Stevens: «Sembravano più freschi, era da un po’ che non giocavamo così. Avevamo bisogno di qualche giorno a riposo e spero che i frutti si vedano anche nei prossimi difficili impegni».

17 triple anche per i Los Angeles Lakers, che vincono con i Memphis Grizzlies 116 a 102. Julius Randle si prende la scena con la seconda tripla doppia stagionale da 19 punti, 14 rimbalzi e 11 assist e pare che abbia funzionato la ramanzina che gli ha fatto coach Walton alla sessione di allenamento di lunedì, in cui lo aveva visto poco concreto: «Voglio continuare a stimolarlo, perché pretendo che tenga standard alti. I risultati si vedono se gioca con la giusta intensità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche