Get Adobe Flash player

Annunciate le riserve all’All-Star Game, altre esclusioni illustri e altre polemiche

all star reservesI coach NBA hanno scelto le panchine della partita delle stelle di New Orleans del 19 di febbraio. Ovviamente non potevano mancare i due che con tanto “rumore” sono stati esclusi dai titolari: Russell Westrbook e Isaiah Thomas. Per i due play era scontata la chiamata, mentre altri nomi importanti sono stati lasciati fuori.

Iniziando da chi si è meritato la convocazione tra le riserve, troviamo per l’Est Isaiah Thomas, John Wall, Kevin Love, Kyle Lowry, Paul George, Kemba Walker e Paul Millsap. L’Ovest invece avrà in panchina Klay Thompson, Draymond Green, Russell Westbrook , DeMarcus Cousins, DeAndre Jordan, Marc Gasol e Gordon Hayward.

Westbrook e Durant saranno quindi nuovamente compagni di squadra, con i Golden State Warriors che pareggiano il record storico di 4 giocatori all’ASG. Prima apparizione per Gordon Hayward, DeAndre JordanKemba Walker.

Ecco la lista completa dei partecipanti:

East West
Backcourt Starter Kyrie Irving Stephen Curry
Backcourt Starter DeMar DeRozan James Harden
Frontcourt Starter Jimmy Butler Kawhi Leonard
Frontcourt Starter LeBron James Kevin Durant
Frontcourt Starter Giannis Antetokounmpo Anthony Davis
Reserve Isaiah Thomas Russell Westbrook
Reserve John Wall Klay Thompson
Reserve Paul George Gordon Hayward
Reserve Paul Millsap Draymond Green
Reserve Kevin Love DeMarcus Cousins
Reserve Kyle Lowry Marc Gasol
Reserve Kemba Walker DeAndre Jordan

Restano fuori dalla partita Carmelo Anthony e Dwyane Wade, ma sono in ricca compagnia tra gli esclusi. Non hanno ricevuto la chiamata tra tanti anche Chris Paul, Mike Conley, Karl-Anthony Towns, Joel Embiid e Rudy Gobert. Proprio tra questi è subito emerso il malcontento, con Embiid che ha subito twittato: “Ancora una volta il voto pubblico non è servito a niente”.

Anche Rudy Gobert è contrariato dalla mancata convocazione e (per Tim MacMahon di ESPN) ha commentato: «Gliela farò vedere!», per poi twittare che non prevede di essere premiato come Defensive Player of the Year, spalleggiato da Nicolas Batum, anche lui francese ma agli Hornets.

Tra presunte ingiustizie o esclusioni “premeditate” rimangono comunque due squadre stellari, che saranno in campo solo per far divertire il pubblico. L’ASG resta una festa e forse tutte queste polemiche sono un po’ fuori luogo, non parliamo di un’esclusione da un’olimpiade…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche