Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 9 gennaio 1973, il cammino dei Knicks verso il titolo passa da Kansas City

nbaitalianews-archibald-kingsLa stagione 1972/73 è indimenticabile per i New York Knicks, l’ultima nella storia della franchigia chiusa con la conquista dell’anello. Il cammino che porta al titolo, passa anche da Kansas City.

La città del Missouri ha appena ottenuto la sua squadra, si tratta dei Royals che hanno lasciato Cincinnati. Un trasloco che porta con sé due novità. La prima è che la squadra si divide tra due stati, giocando anche in Nebraska, precisamente ad Omaha. La seconda è nel cambio del nome: Royals è il marchio di fabbrica della locale formazione di baseball e per evitare confusione si opta per “Kings”. Sì, proprio quel Kings che regge tuttora che la franchigia è a Sacramento.

Il 9 gennaio 1973, New York è di scena proprio a Kansas City e porta a casa una vittoria sofferta, strappata dopo un tempo supplementare. Finisce 116-115 con Earl Monroe e Dave De Busschere che chiudono con 24. In campo c’è anche un pezzo dei Knicks di oggi, cioè l’attuale presidente Phil Jackson che ne mette 11 a referto.

Ai Kings non basta una prova da 52 punti di Nate Tiny Archibald. Così come non basta alla squadra l’intera stagione da protagonista del suo fuoriclasse, che chiuderà la regular season come miglior realizzatore (2719 punti) e primo nella classifica degli assist (910). Eppure Kansas City-Omaha starà fuori dalla corsa playoffs.

Come detto, di tutt’altra pasta l’annata dei Knicks. Chiusa la prima fase al terzo posto a Est, nella post season parte una marcia inarrestabile che lascia sul campo, nell’ordine, i Baltimore Bullets, i Boston Celtics dell’MVP Bob Cowens e i Los Angeles Lakers nelle Finals. Una gioia immensa per tutta la Grande Mela, mai più provata nei restanti quasi 44 anni finora trascorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche