Get Adobe Flash player

Westbrook: «Il discorso delle triple doppie inizia a stufarmi, lasciatemi giocare in pace»

westbrook-orangeGli appassionati dei numeri sono in continua ricerca di record da superare e sicuramente uno dei più succulenti è quello di Russell Westbrook che può raggiungere Oscar Robertson, l’ultimo ad aver concluso una stagione con una tripla doppia di media, un record imbattuto dal ‘61/’62.

Per Westbrook la strada è ancora lunga, ma, nonostante le ultime tre partite dove le ha mancate, ci può ancora riuscire. Ma per farlo bisogna innanzitutto allentare la pressione e cercare di lasciarlo giocare a suo modo perché come ha riconosciuto lui stesso l’importante è innanzitutto cercare di vincere, quello che viene dopo poi è tanto di guadagnato:

«Sinceramente? Questo discorso inizia ad annoiarmi e a darmi sui nervi. Sono stanco di continuare a sentirlo. Vorrei dire a tutti quei catastrofisti che pensano a chissà quale disastro se non dovessi arrivarci nelle singole gare che no, non è un problema. Anzi tutt’altro. Se lo raggiungo bene, se no lasciatemi giocare in pace. Intendo dire: se va bene, ottimo. Se no pace, è andata così. Come discorso non mi interessa troppo e sarà la centesima volta che lo dico».

Numeri che per carità di Dio restano comunque alti e lasciano aperta più di una possibilità alla sua definitiva consacrazione nel gotha di questo sport. Ma che sia un semplice modo di esorcizzare il discorso o altro, il problema «resta principalmente quello di essere un vincente. I numeri e le statistiche no».

Pubblico avvisato mezzo salvato quindi, per vedere qualcosa di epico c’è bisogno di calma e tranquillità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche