Get Adobe Flash player

Tim Duncan celebrato dai suoi Spurs: «Impossibile descrivere tutto l’amore che ho ricevuto»

duncan-retires19 stagioni con addosso la mitica maglia numero 21 dei San Antonio Spurs; solo Kobe Bryant (20) e John Stockton (19) possono vantare nella storia NBA una carriera così lunga con la stessa squadra. 5 anelli vinti insieme al suo allenatore Gregg Popovich in per Tim Duncan, un’icona del basket anni 90 e 2000, che nel giorno della celebrazione della sua casacca numero 21 ammette: «Oggi ho vinto un sacco di scommesse: non sono in jeans, ho indossato una giacca e parlo per più di 30 secondi».

Momento toccante quello dell’ingresso in campo di Duncan, festeggiato dal pubblico di San Antonio, visibilmente commosso. Per il lungo parole d’amore per i suoi tifosi e per i suoi ex compagni di squadra:

«A tutti i tifosi, a tutta la città, voglio dire grazie. L’amore e il supporto che ho ricevuto sono indescrivibili. Specialmente nelle ultime due settimane; ho sentito ex compagni di una vita, ma anche quelli con cui ho giocato uno o due anni e mi hanno fatto capire quanto io fossi importante per loro. Difficile descrivere a parole quanto loro siano stati importanti per me».

Tony Parker, suo fedele compagno di successi, lo ha omaggiato con dei calzini speciale e ha detto: «È l’unico compagno che non mi ha mai chiesto di dargli la palla, mi ha semplicemente guardato. Quando hai 19 anni e vieni dalla Francia ti spaventa quando ti fissa».

Popovich, sull’orlo delle lacrime, ha detto: «La cosa più importante che posso dire su Duncan è: Signor e Signora Duncan, che ora non ci sono più, sappiate che Tim è lo stesso uomo di sempre». Duncan ha risposto così: «Grazie coach, per essere stato in tutti questi anni come un padre per me».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche