Get Adobe Flash player

Horace Grant e i suoi occhialoni: «Li indossavo anche dopo l’operazione per i bambini»

horace_grant_568Cosa non si fa pur di mandare messaggi positivi ed infondere un po’ di sana fiducia ai tanti tifosi che crescono ammirando le tue gesta dentro e fuori dal campo? Di tutto e di più come sa bene Horace Grant che ha confidato ad anni di distanza di aver continuato ad indossare i suoi inconfondibili occhiali protettivi più per l’importanza in sé del gesto che per vera e propria necessità.

L’ex Bulls ha infatti raccontato di doverli utilizzare in principio per via di una cecità acuta che lo rendeva «legalmente ipovedente», e poco importa se dopo un’operazione chirurgica sarebbe stato possibile superare il problema e disfarsene:

«In principio li indossavo perché avevo questo problema enorme. Li portai per un paio di anni di seguito fino a quando non ho deciso di sottopormi ad un intervento di chirurgia che ha eliminato il problema. Ma nonostante tutto decisi comunque di continuare a portarli, anche se non ne avevo più bisogno, perché molti nonni e genitori mi venivano a ringraziare personalmente: portarli era diventato quasi una moda e chi dei tanti ragazzi lo doveva fare per questioni di salute non se ne vergognava più. Decisi di continuare per questo».

Insomma una sorta di generosità ante literram che finì per sdoganare ed ammettere nell’immaginario collettivo che si potesse giocare a basket anche con problemi alla vista. Ed alla fine poco importa se nell’immaginario collettivo la sua figura sia indissolubilmente legata proprio a quegli occhiali multicolore, in uno spot della Foot Locker lo stesso Grant scherza con Draymond Green che senza non riesce nemmeno a riconoscerlo, perché alle volte per essere unici basta veramente poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche