Get Adobe Flash player

Green si sente perseguitato, la NBA risponde: «Punito esattamente come gli altri»

draymond greenNon ci sta l’NBA a farsi tirare per il bavero e finire in mezzo alle polemiche di Draymond Green che indirettamente accusa una solerzia ed un’attenzione particolare sui falli quando a farli è lui.

Ricorderete infatti le polemiche che girano intorno al lungo degli Warriors e ad una certa libertà e disinvoltura quando si tratta di scalciate, anche in zone particolarmente sensibili, o sbracciate durante i frequenti contatti sul parquet, tanto che a rispondere è stato il numero uno della lega Kiki VanDeWeghe:

«Questi giorni ne ho sentite dire veramente tante tra interpretazioni particolari e accuse velate di persecuzione. Ma posso garantire che Green può stare tranquillo, nessuno ce l’ha con lui. Le regole sono chiare, tutti le conoscono e nessuno se ne può sottrarre perché sono discusse e concordate tutti insieme dai presidenti, general manager, allenatori, giocatori e rappresentanti degli arbitri. Ogni modifica al regolamento andrebbe discussa con le stesse procedure ed alla base del suo funzionamento c’è una corretta applicazione».

E del resto polemiche e giustificazioni a parte il suo è uno di quei vizi che potremmo definire antichi visto che basta tornare con la memoria alle Finals per ricordarsi del capolavoro che combinò.

Per questo le giustificazioni sue, e di chi come Kerr ha teso a ridimensionare anche gli ultimi episodi ai danni Harden e Marquese Chriss, stonano parecchio di fronte ad una bella raccolta video apparsa su Instagram dove giustificarlo non diventa solo difficile ma quasi impossibile. Certo leggere una volontarietà in tutti i suoi gesti scomposti sarebbe esagerato ma d’altro canto non si può nemmeno cadere nell’errore opposto e pensare ad una scoordinazione spaventosa da parte di un’atleta di prim’ordine come lui.

Saturday night, Draymond Green added another kick to his reel in the last 6 months.

Un video pubblicato da SportsCenter (@sportscenter) in data:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche