Get Adobe Flash player

Accadde oggi: 4 dicembre 1982, Dantley trascina i Jazz contro i Bulls

nbaitalianews-adrian-dantley-utahIl 4 dicembre 1982 è una data da ricordare per Adrian Dantley, uno dei marcatori più prolifici della storia dell’NBA. In casa, contro i Chicago Bulls, gioca una delle sue tante splendide gare durante i sette anni con la maglia degli Utah Jazz. Segna 57 punti (con 20 su 27 dal campo e e 17 su 22 ai liberi) e contribuisce al successo 131-124 in un match già incanalato dopo un primo quarto chiuso sul +17 dai padroni di casa.

Un match che, purtroppo per lui e per i tifosi dei Jazz, sarà una rarità in quella maledetta stagione 1982/83. Poche settimane dopo questo exploit, Dantley si procura un grave infortunio al polso destro e chiude con largo anticipo l’annata. Un ko che significa addio al sogno playoff per Utah e forfait per il giocatore all’All Star Game, l’unico durante il “settennato” con la franchigia.

Un po’ di altri numeri per far conoscere ancora meglio chi è stato Adrian Dantley. Nativo di Washington, classe 1956. Oro olimpico con Team Usa ai Giochi di Montreal del 1976. Subito protagonista in NBA, diventando Rookie dell’anno nella stagione 1976/77, disputata con la maglia degli allora Buffalo Braves (gli attuali Los Angeles Clippers). Tra i professionisti gioca la bellezza di 17 stagioni (con le maglie di Buffalo, Indiana, Los Angeles sponda Lakers, Utah, Detroit, Dallas, Milwaukee) segnando 23.177 punti che ne fanno l’attuale 27° marcatore di tutti i tempi, con una media di oltre 24 punti a partita. Le sue doti di straordinario realizzatore gli consentono di vincere il titolo di miglior marcatore nelle stagioni 1980/81 e 1983/84, entrambe con i Jazz.

Ma nella carriera di Adrian Dantley c’è anche un po’ d’Italia. Chiusa la lunga parentesi negli Stati Uniti, nel 1991 viene ingaggiato dall’Aresium Milano con cui disputa un campionato di A2.

Nel 2008 è stato inserito nella Hall of Fame.       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche